Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Caccia e ripopolamento venatorio: liberati 800 fagiani

Più informazioni su

ORBETELLO – 800 fagiani. Sono quelli che serviranno per il ripopolamento della zona del comune di Orbetello. Gli animali provengono da un allevamento di Pescia Romana e sono stati forniti, come ogni anno, dall’Ambito territoriale di caccia. Alla consegna erano presenti i rappresentanti del consiglio direttivo dell’Atc Roberto Ferrigato e Alessandro Cacciò, oltre al tecnico Ferdinando Giannelli; per l’amministrazione comunale era invece presente l’assessore alla caccia Marcello Stoppa.

Gli animali sono stati suddivisi in base a una ripartizione geografica del territorio che prevede una zona nord, una centrale e una meridionale all’interno del comune e presi in carico dai rappresentanti delle varie associazioni venatorie presenti sul territorio. I fagaini verranno liberati nelle aree più idonee per l’ambientamento. Sono previste due pratiche di preambientamento in voliera che fanno parte di un progetto previsto dall’Atc.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da A. Caroli

    Ecco signori cacciatori, quando poi andate nelle scuole a farvi belli facendo vedere ai bambini che liberate gli animaletti nel bosco, spiegategli anche che fine farete fare a quegli stessi animaletti, di lì a qualche mese… e diteglielo chiaramente che, ad esempio, gli 800 fagiani liberati oggi, sono stati liberati per essere impallinati dai cacciatori tra qualche mese. Vediamo che ne pensano i bambini.