Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

A scuola di raccolta differenziata. I bambini di Castiglione visitano l’Ecolat foto

GROSSETO – Una mattinata organizzata da Legambiente per capire l’importanza della raccolta differenziata e il percorso che fanno i rifiuti una volta buttati nei cassonetti. A questa procedura hanno assistito i ragazzi della classe V B della scuola elementare “Le Paduline” di Castiglione della Pescaia, che hanno seguito passo dopo passo i tecnici dell’azienda Ecolat di Grosseto nel percorso che fanno i rifiuti dall’arrivo in struttura al riciclo. Divisi in due gruppi i ragazzi hanno assistito all’entrata dei camion per lo scarico dei rifiuti, alla differenziazione degli stessi (plastica, vetro, alluminio, materiale elettronico, ecc.) imparando poi a riconoscerli e dividerli anche a casa propria. All’interno dell’azienda hanno seguito i rifiuti tramite i nastri trasportatori e hanno osservato come gli operatori successivamente li dividono e selezionano.

«Spiegare l’importanza della raccolta differenziata ai ragazzi mostrandogli direttamente cosa succede al rifiuto dopo essere stato gettato – osserva Angelo Gentili, della segreteria nazionale di Legambiente – è essenziale per lanciare un messaggio concreto agli adulti. Oggi è infatti prioritario educare i cittadini a scelte consapevoli per cambiare i propri stili di vita per abbassare le emissioni climalteranti e dare un segnale concreto di sensibilità vera nei confronti del pianeta. Legambiente a questo proposito, vista l’esperienza positiva del porta a porta che si sta diffondendo sempre in più comuni della nostra provincia, propone che la raccolta differenziata spinta venga estesa all’intera città di Grosseto, dando un segnale chiaro e concreto di attenzione per l’ambiente coinvolgendo i cittadini in modo attivo».

L’iniziativa, inserita nel progetto “Non chiamatemi rifiuto” ideato dagli insegnanti della scuola elementare Le Paduline, è stata seguita anche dagli educatori di Legambiente e dai propri ragazzi del servizio civile. Al termine della mattinata gli studenti hanno assistito a un filmato di riepilogo su quanto visto all’interno dell’azienda, e hanno ricevuto in regalo un blocco di carta e una penna riciclata come ricordo della giornata. L’attività è stata seguita con una diretta twitter (#raccoltadifferenziata, #ecolat).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da energie alternative

    ottima iniziativa… legambiente è sempre ipertattiva in tal senso.
    un buon riciclaggio potrebbe portarci ai livelli della svezia che ora non ha gli inceneritori disoccupati :)