Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

M5S, Aureli: aboliamo Seam e trasformiamo l’aeroporto in una discoteca

GROSSETO – «Dopo i piani regionali degli anni 80 che assegnavano il ruolo ‘charteristico’ del Sud Toscana allo scalo Grossetano, condiviso da Civilavia con l’approvazione del Master Plan del 1991, gli ultimi indirizzi strategici del PIT toscano siano incentrati sul ruolo di Pisa e Firenze relegando Grosseto solo a ruolo di scalo Militare.» Così Roberto Aureli, del Movimento 5 Stelle, parla dello scalo maremmano.

«Questo è il risultato della totale latitanza dei nostri rappresentanti regionali che mai sono stati in grado, nell’ipotesi più benevola, di ricordare i voli charter con la Svezia degli anni 70 ed il collegamento estivo giornaliero che lo scalo grossetano aveva con Roma e Milano – prosegue Aureli -. Afflusso che aveva fatto la fortuna economica del Comune di Castiglione della Pescaia insegnandoci come si poteva portare turismo, anche nella lunga stagione, con consumo minimo di territorio. Dati che collocavano Grosseto ad un livello di traffico toscano secondo solo rispetto a Pisa, con un decimo del traffico pisano. Oggi Pisa ha circa 4 milioni di passeggeri l’anno, Firenze circa 2 milioni e Grosseto quasi nessuno! Orbene, a questo punto si sia seri: si azzeri la SEAM e si trasformi l’aeroporto civile in una bella discoteca-palestra. L’acronimo, con soddisfazione dell’attuale inesistente presidenza, potrà rimanere lo stesso: – Società Esercizio Attività Motorie -.»

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Pizzi

    Sono una lombarda trasferita nel Grossetano (Montegiovi) e mi reco con frequenza a Milano per visite parentali, da sempre non possiedo autovettura e impiego i mezzi pubblici; la provincia di Grosseto a livello di collegamenti è in una situazione disastrosa, quando sono fortunata e va tutto per il megiio impiego 5 ore abbondanti da stazione Grosseto a stazione Milano; con meno di due ore mi potrei spostare (sempre in treno) da Milano a Firenze e in circa 3 ore da Milano a Roma. Ho provato l’autobus ma ho impiegato 7 ore!
    Ora, data la situazione che ripeto è disastrosa, ci si può permettere di tenere un aereoporto (in posizione ottimale tra l’altro) a uso esclusivo militare?

  2. Scritto da Alex

    L´idea é giustissima, ma a cosa serve ancora l´aeroporto a Grosseto quando non vi sono passeggeri e quando vi é pisa a poco piú di un´ora. Ma poi a cosa serve l´aeroporto quando addiritura vengono ridotti all´osso i collegamenti ferroviari. Risparmiamo i soldi dell´aeroporto civile e destiniamoli a creare piú collegamenti ferroviari e di autobus per Grosseto. Ed é giusta l´idea di trasformare l´aeroporto in un polo
    di svago con discoteca, cinema, sala biliardo, bowling, palestra e magari un paio di ristoranti slow food. Ma a cosa serve una cattedrale nel deserto?? Coinvolgiamo i giovani.