Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Moria di pesci: il Movimento 5 stelle chiede di conoscere i risultati del tavolo tecnico

SCARLINO – Trasparenza. È quella che chiede il Movimento 5 stelle Follonica in merito alla vicenda della moria di pesci avvenuta a dicembre scorso nel canale di Scarlino. Il Movimento aveva chiesto di partecipare all’incontro tra Asl, Arpat, imprenditori, Acquedotto del Fiora, rappresentanti della provincia e del comune che si è svolta ieri, ma, come riporta il Movimento, il sindaco di Scarlino, Maurizio Bizzarri, aveva dato parere negativo perché «Tale riunione alla quale presenzieranno gli organismi tecnici ed istituzionali provinciali, non è purtroppo aperta al pubblico e neppure potrà esserlo, ma ti posso garantire – scrive il sindaco nella nota riportata dal Movimento – la massima trasparenza ed informazione come sempre è stato subito dopo l’incontro. D’altra parte al tavolo NON sono seduti mafiosi, o massoni o chissà chi, ma i rappresentanti delle istituzioni locali e i tecnici delle aziende pubbliche di controllo, che hanno il solo scopo di lavorare e fare il bene dei cittadini e del territorio. Se manca la fiducia in tali presupposti, la soluzione non è partecipare ad una riunione, ma la rivoluzione civile, l’anarchia o qualcos’altro… Con stima il Sindaco Maurizio Bizzarri»

«Preso atto della risposta del sindaco Maurizio Bizzarri – affermano dal Movimento 5 stelle – e tenendo conto del fatto che il principio della massima trasparenza ed informazione dovrebbe essere garantito, il Movimento 5 stelle di Follonica chiede pubblicamente di poter venire in possesso del regolamento per il quale il pubblico è escluso da questi tavoli tecnici. Essere fiduciosi nelle istituzioni non equivale al lasciarsi totalmente nelle mani dei propri rappresentanti, in quanto il cittadino possiede comunque il diritto di partecipare a ciò che da vicino lo riguarda, come nel caso della salute. La sovranità infatti è del popolo che, eleggendo i propri rappresentanti, delega a loro l’amministrazione e la gestione dello stato, delle regioni, delle province e dei comuni, ma possiede nello stesso momento il diritto incondizionato di controllarne l’operato.»

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giacomo Rossi

    La partecipazione dei cittadini è un diritto, come il controllo delle istituzioni. Vorrei tanto vedere la legge in cui è vietato ad i cittadini di assistere a queste riunioni. Trasparenza ?