Grosseto e Mont n’gafula per l’ospedale di Kimbondo. In Municipio il sindaco della cittadina congolese

di Lorenzo Falconi

GROSSETO – Dopo la visita del giugno scorso, effettuata dal sindaco Emilio Bonifazi all’ospedale di Kimbondo, nella Repubblica Democratica del Congo, è la volta di Olivier Saya, primo cittadino dei Mont n’gafula che si è recato in Municipio. Un incontro che prosegue sulla scia dei rapporti internazionali per stabilire contatti e collaborazioni a sostegno della struttura sanitaria di Kimbondo, ospedale pediatrico fondato dalla dottoressa Laura Perna e oggi guidato da Padre Hugo de Rios. La struttura ospedaliera ospita più di 800 bambini e in breve tempo è diventata punto di riferimento sanitario per il distretto di Kinshasa. In quest’ottica Oliver Saya sta cercando stringere legami ancora più stretti in relazione alla struttura sanitaria: «sono onorato dell’invito, ringrazio per questo la città di Grosseto. Spero di mettere in piedi quanto prima una nuova visita per una collaborazione molto vicina tra i nostri Paesi. L’auspicio è che ci sia uno sviluppo collaborativo».

«Il soggiorno in Maremma del sindaco di Mont n’gafula servirà a tutti coloro che vorranno impegnarsi a collaborare con l’ospedale di Kimbondo – spiega Bonifazi -, siamo orgogliosi di quanto Laura Perna sia riuscita a creare, con dedizione e impegno, durante questi anni». La visita ha coinvolto tutta la giunta e il consiglio comunale: «siamo lieti di accogliere la delegazione congolese – precisa il presidente Paolo Lecci – il Comune di Grosseto è vicino a questa realtà così bisognosa». Il viaggio di Oliver Saya, proseguirà a partire da mercoledì prossimo, quando saluterà la Maremma. Le visite a carattere europeo proseguiranno in Lussemburgo e in Francia.

Commenti