La scelta del futuro per gli studenti. Il Lions Club mette a confronto le varie professioni foto

di Lorenzo Falconi

GROSSETO – Ben otto classi quinte, due del Liceo Classico “Carducci e sei del Liceo Scientifico “Marconi”, per un totale di circa 120 studenti. ragazzi che tra qualche mese saranno impegnati nell’esame di maturità e successivamente chiamati ad effettuare una delle scelte più difficili: scegliere l’università giusta in base alle passioni e alla reale possibilità occupazionale. Per questo motivo, nell’aula magna del Liceo Scientifico “Marconi”, il Lions Club “Aldobrandeschi” di Grosseto, ha promosso l’incontro tra gli studenti e i professionisti dei vari settori, al fine di illustrare e rappresentare al meglio il rapporto reale tra percorso di studi e ricettività del mondo del lavoro, sia a livello nazionale che locale. A introdurre l’argomento ha pensato il presidente del Lions Club “Aldobrandeschi” Margaret Calabria che ha moderato il dibattito: «questo incontro – ha precisato – vuole offrire una prospettiva di dialogo e confronto con i professionisti della nostra provincia, in modo da fornire un quadro più realistico delle prospettive future che tra pochi mesi interesseranno questi ragazzi».

All’incontro hanno partecipato Daniele Fanteria, architetto, Domenico Saraceno, agronomo, Marco Gasparri, imprenditore e direttore dello Studio Kalimero, Paola Usticano, notaio e Giuseppe Virgili, dottore in medicina. Ogni professionista ha raccontato la propria esperienza vissuta a contatto con il mondo universitario, fornendo indicazioni sulle prospettive e gli sbocchi sul mondo del lavoro possono fornire gli studi. Ne è emerso un quadro generale piuttosto esaustivo, mettendo insieme aspetti positivi e negativi che ogni percorso formativo può fornire. Pareri unanimi, da parte dei relatori, su quanto importante sia la formazione universitaria e su quanto nella scelta incidano le singole passioni o gli obiettivi da raggiungere. L’incontro è stato molto partecipato da parte degli studenti, la scelta in ogni caso non è semplice, ma rappresenta una buona fetta di futuro, per inserirsi nel mondo del lavoro con problematiche occupazionali sempre crescenti e per seguire la strada giusta al fine di realizzarsi professionalmente nel prossimo domani.

Commenti