Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Primarie Pd, a Grosseto confronto tra i candidati: no alle divisioni Bersani Renzi, sì alle idee

Più informazioni su

di Daniele Reali

GROSSETO –  Confronto aperto oggi a Grosseto tra i sei candidati alle primarie del Partito Democratico. A due giorni dal Natale e con una campagna elettorale “brevissima” (durerà praticamente una settimana comprese Natale e Santo Stefano, ndr) l’iniziativa organizzata nella sala della Fondazione Il Sole questo pomeriggio ha offerto l’occasione al popolo della primarie della Maremma di conoscere meglio i sei protagonisti della corsa: Giovanna Longo, Paolo Freguglia, Ulrica Fatarella, Marco Simiani, Anna Maria Gaggioli, Luca Sani.

Quello di oggi sarà l’unico momento di confronto prima del voto e per questo particolarmente atteso. Non sono mancati spunti interessanti sulle proposte politiche: tanti i temi in discussione dall’agenda Monti alla riforma fiscale, dai diritti civili alle alleanze politiche. Una discussione che ha messo in evidenza più che le differenze tra i candidati, la volontà di coesione degli stessi. Tutti hanno ribadito l’importanza di «essere uniti e sostenere il Pd per l’obiettivo comune di vincere le elezioni».

(nella foto da sinistra: Giovanna Longo, Paolo Freguglia, Ulrica Fatarella, Marco Simiani, Anna Maria Gaggioli, Luca Sani)

In tema di primarie è stato ribadito le che elezioni di domenica 30 dicembre non saranno «un secondo tempo» della sfida Bersani-Renzi così come è avvenuto per la scelta del premier di centrosinistra. «No alla contrapposizione dentro il partito» ha detto Sani, concetto che è stato ribadito anche dagli altri. «Si è aperta un’altra fase – ha detto Simiani -, ma faremmo tutti un errore se dimenticassimo quello che è successo alle primarie del 25 novembre». Per Giovanna Longole primarie sono state un «grande momento di confronto per il Pd»: bersaniani e renziani hanno portato un contributo importante. Anche Freguglia ha messo in evidenza l’importanza delle primarie, ma anche invitato il partito «a mostrare trasparenza in tutte le scelte». Anna Maria Gaggioli e Ulrica Fatarella hanno posto l’accento sulla straordinaria partecipazione delle primarie come segno distintivo di democrazia del Pd.

Tante le domande dal pubblico e una “stoccata” a Simiani sul suo impegno in Rama Mobilità: a lui è stato chiesto quali sono le indennità che percepisce come presidente dell’azienda pubblica e perché avesse voluto il progetto e-Life che prevede la commercializzazione di autobus elettrici, prodotti in Cina. «Il mio stipendio è come quello di un autista ed è pubblicato su internet» ha detto Simiani «e il progetto e-Life grazie ad un accordo con Breda Menarini porterà occupazione anche in Italia».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.