Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bambino annegato in piscina, rinviato a giudizio il padre per omicidio colposo

GROSSETO – È stato rinviato a giudizio il padre del bambino che, il 28 agosto del 2011, annegò nella piscina di Giuncarico, nel comune di Gavorrano. L’uomo, una volta accompagnato il figlio di soli 5 anni in piscina, secondo le accuse sarebbe tornato nell’auto parcheggiata poco distante e, secondo quanto ricostruito dalla Procura, si sarebbe addormentato. Il bambino, originario del Marocco, viveva a tatti, nel comune di Massa Marittima, con la famiglia.

A causare la morte del piccolo sarebbe stata una congestione. Alcuni bagnanti avevano notato il corpo del bambino galleggiare a faccia in giù in modo innaturale e il piccolo era stato immediatamente soccorso dalla bagnina che gli aveva praticato anche la respirazione bocca a bocca. Si era alzato in volo anche Pegaso ma le condizioni del piccolo erano apparse subito disperate.

A distanza di un anno e mezzo il Giudice all’udienza preliminare ha rinviato a giudizio il padre del bambino, 57 anni, di professione ambulante, con l’accusa di omicidio colposo per la mancata vigilanza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.