Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Turismo 2.0: ecco che fine faranno i 56 mila euro della tassa di soggiorno

MASSA MARITTIMA – Prosegue il confronto tra l’Assessorato al Turismo e alle Attività Produttive del Comune di Massa Marittima e le associazioni di categoria del settore turistico, in merito agli interventi in cui investire i proventi dell’imposta di soggiorno. Dalla tassa, in vigore dal 1 luglio scorso, sono derivate ad oggi risorse pari a circa 56 mila euro, cifra che si completerà con la scadenza dei versamenti trimestrali, fissata per il 15 gennaio 2013. Lo strumento di confronto attivato dall’assessore Flavio Zazzeri sui possibili investimenti per lo sviluppo del turismo è legato alle indicazioni fornite dall’Osservatorio Turistico di Destinazione che è stato convocato nell’ultimo periodoquasi una volta al mese.

Dalle riunioni del tavolo sono emersi vari progetti: per la parte promozione è prevista l’implementazione del sito web istituzionale con collegamenti ai maggiori social network come Facebook e Twitter e la traduzione delle sezioni contenenti informazioni turistiche e promozionali, in lingua inglese e tedesca.

Programmato anche lo sviluppo di applicazioni per smartphone su sistemi Apple e Android, in grado di fornire ai turisti e alle strutture ricettive servizi di geolocalizzazione, info su news e eventi, direttamente sul proprio telefono, prevedendo eventualmente anche un sistema di notifiche che si rinnova ogni 24 ore. Il tutto in integrazione al progetto “Pro Amatur” già in corso di realizzazione, grazie ai finanziamenti a fondo perduto dal consorzio Far Maremma per una cifra pari a 50 mila.

Si tratterà di applicazioni e servizi che saranno gestiti direttamente dal consorzio di promozione turistica in modo tale da poter offrire alle attività ricettive delle Colline Metallifere anche la possibilità di lanciare su questo circuito i propri pacchetti, con la definizione di servizi base estesi alla totalità delle strutture ricettive.

Il secondo progetto di investimento è poi quello di una card da consegnare a chi soggiorna in città, che offra sconti nei musei e nei parcheggi comunali, negli impianti sportivi e presso tutti gli esercizi commerciali che vogliano aderire al progetto.

Tra le altre proposte anche l’organizzazione di eventi con l’obiettivo di allungare la stagione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Donatella RAUGEI

    …… perché invece non utilizzare quei soldi per locare ad esempio l’immobile ex agenzia delle entrate, proprio all’ingresso di Massa Marittima, in posizione strategica di marketing turistico…..
    altro che APP ecc, ma se non prende nemmeno il cell “in tanti posti nel territorio massetano ” …….
    in quel fabbricato, attualmente con uso ufficio ed “abbandonato” da 6 anni dai suoi attuali proprietari ( FIP Fondo Immobili Pubblici ) in attesa forse di un cambio di destinazione d’uso ???
    Ecco, sarebbe sufficiente una volonta politica, per non accettare un eventuale cambio uso ….., una voilonta politica che decida di credere e di investire nel territorio ….
    poi, il seguito va da se…. Tutto messo a sistema, in sinergia …. ed un tripudio di bandiere sulla facciata di questo fabbricato, inserito nel complesso della Sala dell’Abbondanza….
    ed ecco che miracolosamente Massa Marittima ripartirebbe grazie ad un investimento mirato della Tassa di Soggiorno ……
    Donatella Raugei