Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Maxi inchiesta a Follonica, Barocci: le abitazioni della foresteria siano destinate all’edilizia popolare

FOLLONICA – Tra i primi a commentare la chiusura delle indagini sulla vicenda ippodromo è Roberto Barocci, responsabile del Forum Ambientalista Grosseto e segretario del circolo di Rifondazione Comunista di Follonica ai tempi delle decisioni contestate dalla magistratura.

«Quando decidemmo cosa fare sulla base dei documenti disponibili – scrive Barocci –, avevamo da tutelare due giovani studenti universitari, Enrico Calossi e Mimmo Fiorani, che il popolo di sinistra di Follonica aveva eletto in Consiglio comunale. Loro avrebbero dovuto accollarsi in Consiglio la responsabilità di approvare un evidente abuso a vantaggio di soggetti privati. Proponemmo all’allora sindaco Saragosa un compromesso: che rispettasse la legalità, facendo pagare al Consorzio Etruria il dovuto, visto che erano state realizzate in un’area a destinazione agricola, poi dedicata al nuovo ippodromo, ben 167 abitazioni, senza versare i relativi oneri di urbanizzazione al Comune».

«La risposta – prosegue Barocci – ci venne il giorno seguente: il Sindaco tolse le deleghe a due altri assessori comunisti, che erano nella sua Giunta: Gianardi ed Elmini, sostituiti da esponenti Verdi».

«Oggi i partiti che governano il Comune di Follonica e la Provincia di Grosseto, che aveva l’onere della verifica e controllo sulle scelte urbanistiche del Comune, dovrebbero fare una seria autocritica sulla vicenda Ippodromo di Follonica e scagionare i propri consiglieri».

«I danni al territorio sono stati ormai consumati e le abitazioni sotto sequestro giudiziario devono tornare nella disponibilità del pubblico. Allora la Politica dia un segnale riparatorio: destini e vincoli quelle abitazioni per soddisfare la richiesta di edilizia economico popolare».

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.