Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Dalla Regione 3,3 milioni per i malati di Sla: 58.000 euro a Grosseto

Più informazioni su

FIRENZE – Prosegue la sperimentazione, già avviata in Toscana dal 2009, di assistenza domiciliare per i pazienti affetti da Sla, Sclerosi laterale amiotrofica. Una delibera di giunta destina 3 milioni e 300.000 euro per implementare l’offerta di assistenza domiciliare a persone affette da Sla che si trovano nella fase avanzata della malattia, e da altre gravi patologie neurodegenerative.

Alla Asl 9 di Grosseto sono stati destinati 58.331 euro che serviranno a garantire 1.500 euro al mese per tutto il 2013 ai care givers dei 5 malati gravi colpiti dalla Sla che risiedono nella zona.

«In Toscana – è il commento del presidente della Regione  Enrico Rossi – abbiamo trovato le risorse necessarie per garantire ai malati di Sla  l’assistenza domiciliare, tra l’altro molto meno costosa del ricovero nelle strutture sanitarie. Nella nostra regione assistiamo attualmente 156 malati di Sla con un assegno di cura di 1500 euro mensili, con l’obbligo di assunzione di una persona per l’assistenza domiciliare, che può essere anche un familiare».

Sulla delibera di giunta per l’assistenza domiciliare ai malati di Sla interviene anche  l’assessore al diritto alla salutè Luigi Marroni : «È un modo concreto – sottolinea – per essere vicini ai pazienti e alle loro famiglie, e sostenere l’impegno dei familiari nelle attività di cura e assistenza delle persone non autosufficienti».

Tre milioni di euro saranno assegnati alle Asl per far fronte all’erogazione dell’assegno di cura per l’assistenza domiciliare, finalizzato all’assunzione di assistenti familiari, o destinato al familiare care giver. Altri 300.000 euro verranno assegnati all’azienda ospedaliero universitaria di Careggi, all’interno della quale si trova il Formas, il Laboratorio regionale per la formazione in sanità. Il Formas avrà il compito di seguire le iniziative di sviluppo e potenziamento dei percorsi assistenziali sul territorio, e le iniziative di formazione, anche in collaborazione con le associazioni di utenti, per realizzare percorsi formativi specifici per i care givers, siano essi familiari o persone esterne al nucleo familiare.

La Sla è una malattia progressiva e degenerativa del sistema nervoso. E’ una patologia rara, con un’incidenza di 2-3 casi ogni 100.000 individui l’anno. Si calcola che in Toscana ci siano circa 350 persone con diagnosi di Sla.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da colombini stefania

    Mi fa sorridere l’affermazione del Presidente Enrico Rossi quando dice che “abbiamo trovato le risorse….”, tengo a far presente che dette risorse sono arrivate alle Regioni dopo che i malati di SLA e loro familiari hanno manifestato a Roma e incontrato i Ministri che hanno erogato tali somme. Pertanto se la matematica non è un’opinione, non capisco come alla Provincia di Grosseto vengano erogati 58.331 € a garanzia di 1.500 € al mese per 5 malati.!!!!! Fate voi il calcolo….