Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Un mese fa l’alluvione che sconvolse la Maremma. Sono 109 gli interventi già partiti

FIRENZE – 121 interventi di ripristino e messa in sicurezza già avviati o che lo saranno prima del 31 dicembre, 128 al via entro febbraio, 46 entro la fine di marzo:  è questa lo stato di attuazione del pacchetto di 295 interventi avviati per le aree toscane colpite dall’alluvione dell’11 e 12 novembre.

In provincia di Grosseto, nell’area più colpita dalle alluvioni, dell’11 e 12 novembre sono partiti o lo saranno entro la fine di dicembre 109 interventi su 234. Queste opere coprono quasi 15 milioni dei 52,3 milioni di euro stanziati per quest’area. Entro febbraio partiranno ulteriori 107 interventi (per 23,2 milioni di euro) e subito dopo, comunque entro marzo i restanti 18 (per 14,4 milioni).

Il quadro è emerso nel corso della serie di riunioni convocare oggi a Firenze dal presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, presente l’assessore all’ambiente Anna Rita Bramerini, per far il punto sull’andamento delle progettazioni e dei lavori finanziati dalla Regione Toscana con 100 milioni di euro all’indomani degli eventi alluvionali.

“Dobbiamo dare una risposta tempestiva – ha esordito il presidente Rossi – un segnale di efficienza, aprendo tutti i cantieri nei tempi previsti. E se su alcune opere vi sono difficoltà segnalatecelo subito – precisa il presidente rivolto ai sindaci – e insieme possiamo trovare le soluzioni, in modo da evitare ritardi e commissariamenti”. Il pacchetto di 295 interventi “indifferibili e urgenti” è finalizzato a ripristinare viabilità interrotte, a ricostruire argini, ponti, a sistemare o ripristinare i reticoli idraulici e a mettere in sicurezza le parti del territorio più colpite. Gran parte di queste opere riguardano la provincia di Grosseto (ben 234 su 295), il resto Massa Carrara (30) e quindi a seguire altre 5 province:  Lucca (11), Siena (9), Arezzo (5), Pistoia (5), Pisa (1).

“A un mese esatto dagli eventi quasi il 40% delle opere sono partite, tutte le altre lo saranno nei primissimi mesi del 2013 “ ha sintetizzato il presidente Rossi. “Mi pare un avvio significativo – ha proseguito – Alla tempestività con cui abbiamo determinato una variazione di bilancio così consistente, e alla celerità di approvazione, tra l’altro all’unanimità, del consiglio regionale, è necessario segua una rapida e efficiente realizzazione degli interventi. La riunione di oggi quindi da una parte è servita a fare una fotografia aggiornata di quanto fatto, e a constatare che vi è stato un buon avvio, ma dall’altra anche a tenere altissimo l’impegno affinchè si rispetti la tabella di marcia che prevede l’avvio di tutti i cantieri nei primissimi mesi del nuovo anno”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.