Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“The garbage revolution”, a Follonica arrivano i “mutanti” di Rodolfo Lacquaniti

Più informazioni su

di Daniele Reali

FOLLONICA -L’arte di Rodolfo Lacquaniti arriva a Follonica con “The garbage revolution”, il progetto artistico che unisce alla scultura, installazioni di videoart, pittura, live arts e fotografia.

Con questa mostra, ospitata alla Pinacoteca Modigliani, Lacquaniti porta nel Golfo la sua visione del mondo attraverso l’arte, presentando in una prima, destinata a conquistare anche altri palcoscenici in Italia e all’estero, i suoi “mutanti”, sculture dalla forma umana, realizzate con materiali di risulta e oggetti inutilizzati e abbandonati. «L’arte per me è la vita che conduco – osserva Lacquaniti mentre presenta la sua mostra e le sue sculture -, e i “mutanti” sono molto legati a quello che succede in questo momento nel mondo».

Tra i simboli dei suoi mutanti, a Follonica ne saranno esposti 40, “Nefertite” (nella foto a destra): la testa di questa scultura è stata ricavata “reinterpretando” una pre-bomba utilizzata sugli aerei da guerra e ritrovata in una discarica vicino a Grosseto.

«The Garbage Revolution – dicono dal comune di Follonica – è un progetto che vuole intensificare il percorso già intrapreso tra discipline artistiche e forme di espressione contemporanee. L’obiettivo è il rafforzamento di un dialogo tra l’arte e il pubblico di diversa provenienza, tramite molteplici modalità di condivisione di uno spazio culturale incentrato sulle “live arts”(arte dal vivo)».

Per l’inaugurazione è stata scelta una data non casuale. La mostra s aprirà venerdì 21 dicembre, il giorno indicato dai Maya per la fine del mondo. «In quella data – dice Lacquaniti – indicata da tutti come la fine del mondo, noi vogliamo iniziare un nuovo percorso ispirato proprio all’arte». E proprio per l’inaugurazione sono state pensate una serie di iniziative in tre luoghi della città:  in piazza del Popolo e in Pinacoteca. Tutto inizierà alle 17 in piazza Sivieri con una performance urbana; alle 18 sarà piazza del Popolo ad accogliere il “Conto alla rovescia” per la fine del mondo; alle 18,30 la visita all’esposizione delle opere di Lacquaniti in Pinacoteca.

La mostra sarà aperta dal 21 dicembre fino al 31 marzo 2013 con il seguente orario: dalle 15,30 alle 19, 30 da martedì a domenica (Lunedì e festivi chiuso).

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.