Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Comune e trasparenza, dal MareSì: «Non c’è stata sulle multe del 2007»

Più informazioni su

FOLLONICA – Sulla trasparenza del Comune di Follonica, ha qualcosa da dire anche la Cooperativa MareSi, proprietaria del villaggio turistico di Pratoranieri.

«Se l’Amministrazione follonichese risulta essere tra le cento più virtuose d’Italia, secondo quanto emerso dal forum sulla trasparenza per l’anno 2012, non ci può fare altro che piacere» afferma il presidente della Cooperativa Ottavio Verdi, anche se proprio da MareSì arrivano critiche al comune sul comportamento tenuto nel passato nei confronti del villaggio. Parlando di trasparenza Verdi aggiunge che «non traspare dai dati resi pubblici dal Comune di Follonica, che l’Amministrazione ha indicato MareSì quale destinataria di quattro multe emesse nel 2007. Un comportamento privo di ogni giustificazione legale visto che il villaggio era all’epoca condotto in locazione dalla D.M.C. srl, gestito dalla Hidalgo ed erano casomai questi i soggetti destinatari delle ingiunzioni di pagamento, arrivate invece a MareSì, impugnate davanti al Giudice dalla Cooperativa e revocate in autotutela dal Comune, con inutile dispendio di denaro».

Sulla vicenda legata alla D.M.C., la società che per un decennio ha gestito il villaggio di Pratoranieri, «vale la pena ricordare – scrivono dal MareSì – che per anni il Comune di Follonica non ha reso pubblico che D.M.C. non pagava la TARSU. Equitalia ora chiede a D.M.C. centinaia di migliaia di euro, somma che nessuno pagherà visto che ormai è fallita. Soldi persi per sempre, che dovevano andare nelle casse comunali».

«Ora il Comune si fa grande – conclude Verdi – e in Consiglio comunale la maggioranza sventola la decisione della Commissione tributaria provinciale che impone a MareSi il pagamento della Tarsu per un totale di 150mila euro. Noi faremo ricorso alla Commissione Regionale, ma non intendiamo certo venire meno ai nostri doveri. Quello che colpisce è, però, questo atteggiamento del Comune, che suona la fanfara quando ottiene una sentenza favorevole, anche se non definitiva, e fa finta di nulla quando le cose non gli vanno bene».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.