Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bagarre in consiglio, scoppia la polemica contro la telecamera di un cittadino

Più informazioni su

di Daniele Reali

GROSSETO – È durata più di mezz’ora la polemica che questa mattina ha aperto la seduta del consiglio comunale di Grosseto. Una bagarre che ha coinvolto consiglieri e pubblico in aula. Tutto è nato dalla presenza, tra gli “spettatori” della seduta di oggi, di un cittadino, vicino al Movimento 5 Stelle, che si è presentato con una telecamera per riprendere i lavori del consiglio.

Le sedute del consiglio, a meno che non siano espressamente a porte chiuse, sono pubbliche, ma secondo il regolamento per fare riprese o scattare fotografie c’è bisogno di una autorizzazione. Da qui e dalla richiesta del consigliere di maggioranza Saimo Biliotti di sapere chi fosse la persona con la telecamera, si è originata una lunga discussione, a volte anche con toni accesi, che ha catturato l’attenzione di tutti, consiglieri e pubblico, sottraendo tempo all’ordine del giorno.

Dalla maggioranza e da più consiglieri è stato puntualizzato che in questi casi le «regole devono essere rispettate» e che di solito «per educazione si chiede, prima di accendere una telecamera», mentre dall’opposizione, sia da parte del centrodestra che da parte del gruppo consiliare di Sinistra Ecologia e Libertà e dal Movimento 5 Stelle, è stato fortemente criticato il comportamento “censorio” seguito dal consiglio. «Il comune deve essere una scatola di vetro» è stato detto, e tra l’altro fino ad oggi, anche tra gli operatori dell’informazione, le autorizzazioni non sono mai state prese in considerazione.

Una polemica che sicuramente non fa bene al consiglio e alla città sopratutto in un periodo come questo dove sempre più spesso c’è l’esigenza di trasparenza e vicinanza al mondo della politica e della pubblica amministrazione da parte degli italiani, maremmani compresi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.