Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Stili di vita: nasce a Grosseto il centro documentazione

Più informazioni su

GROSSETO – Un luogo dove raccogliere informazioni sugli stili di vita, sui programmi e le iniziative in atto in provincia di Grosseto e dati epidemilogici: è il Centro di documentazione realizzato dall’Associazione club alcologici territoriali (Acat) di Grosseto insieme alla Confraternita della Misericordia di Civitella Marittima e al Coordinamento delle associazioni e dei comitati ambientalisti della provincia di Grosseto nei locali comunali di via Inghilterra 45 a Grosseto, già in uso alla Società della Salute grossetana.

Il Centro di documentazione sugli stili di vita è solo uno degli ambiti in cui si articola il progetto finanziato dal Cesvot – Il centro servizi per il volontariato della Toscana – nell’ambito dei Percorsi di innovazione 2012. Proprio in questi giorni, infatti, si è svolto anche il “Laboratorio di sensibilizzazione all’approccio ecologico-sociale alla promozione del benessere nella comunità” che ha coinvolto oltre 60 persone, tra operatori socio sanitari, volontari e molti studenti degli istituti superiori (circa 40), con l’obiettivo di mettere in discussione comportamenti e convinzioni nei confronti degli stili di vita, per stimolare i partecipanti operare a livello personale, associativo e istituzionale nella promozione del benessere della comunità.

“Coeso Società della Salute – ha aggiunto Fabrizio Boldrini – sostiene iniziative di questo tipo perché una società che ha comportamenti pubblici e privati sbagliati si ammala facilmente e deve quindi ricorrere ai servizi. Se invece impariamo ad agire prima, nella società, possiamo ottenre importanti risultati, come la riduzione dell’insorgenza di patologie e, di conseguenza, la riduzione di consumi sanitari”.

Accanto al corso di sensibilizzazione, quindi, si colloca il Centro di documentazione che servirà a sostegno e supporto di volontari, studenti, amministratori, operatori e semplici cittadini interessati ad approfondire questioni legate ai nostri comportamenti. Gli stili di vita, infatti, possono essere considerati fattori di rischio – perché a determinati comportamenti corrispondono specifiche patologie – ma anche fattori di salute e quindi una corretta informazione e conoscenza può servire a prevenire il disagio e questo è particolarmente importante in un momento di crisi economica e sociale come quello attuale.

Le informazioni saranno custodite in una banca dati informatizzata, alimentata dai volontari, in un archivio cartaceo, e in una piccola biblioteca. Gli argomenti documentati saranno l’alimentazione, la sedentarietà, l’uso di alcol e tabacco, il comportamento violento e l’isolamento e lo stigma spesso legati al disagio psichico. Il centro sarà gestito da Giulia Tassi, attraverso un tirocinio attivato grazie al progetto regionale “Giovani sì”, e Azelio Giani, tutor e volontario dei Club alcologici territoriali di Grosseto.

Il progetto proseguirà nei prossimi mesi coinvolgendo i corsisti in attività sul territorio e si concluderà in primavera con un seminario per presentare i risultati ottenuti.
“Come coordinamento dei comitati e delle associazioni ambientaliste della provincia di Grosseto – ha spiegato Daniela Pasini – intendiamo agire sul territorio promuovendo stili di vita sani che rispettino anche l’ecosistema”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.