Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

L’Ortofrutta inaugura la sua nuova “casa”. Domani taglio del nastro al Madonnino

GROSSETO – Sarà il presidente di Coldiretti Grosseto e di Ortofrutta, Francesco Viaggi, ad inaugurare domattina (sabato 10 novembre alle 10,30) la nuova sede della cooperativa realizzata all’interno del polo logistico del Madonnino di Braccagni. Presenti il sindaco di Roccastrada, Giancarlo Innocenti, i presidenti di Camera di commercio e Provincia, Giovanni Lamioni, e Leonardo Marras, accompagnato, quest’ultimo, dall’assessore all’agricoltura, Enzo Rossi. Parteciperanno a questo importante momento della vita economica maremmana anche i rappresentanti dei principali istituti di credito e delle associazioni di categoria locali.

«La realizzazione della nuova sede della cooperativa – commenta Viaggi –, nel contesto ideale dell’area fieristico commerciale del Madonnino, consente a Ortofrutta di dedicarsi al consolidamento ulteriore dei rapporti con il mercato, incluso il commercio al dettaglio, in modo da rilanciare virtuose dinamiche di scambio con le imprese e le produzioni di eccellenze locali.

Ortofrutta ha ripreso a ottimizzare il proprio rapporto di collaborazione con altre cooperative del territorio, peraltro rappresentate nel proprio corpus sociale, con il proposito di ottimizzare i servizi offerti ai singoli soci, in termini di assistenza e fornitura di mezzi tecnici, nonché di supporto nelle lavorazioni specializzate. Un consiglio di amministrazione ampiamente rinnovato intende porsi come ideale interlocutore tra produzione e consumo, in un contesto nel quale appare sempre maggiore la richiesta di prodotti agroalimentari il cui valore aggiunto si incardini su qualità, originalità e rispetto della tradizione. Per non parlare del nostro costante impegno avverso il fenomeno delle frodi e dei falsi, che sottrae all’agricoltura italiana quasi 50Miliardi di euro all’anno»

La Coperativa Ortofrutta ha 130 aziende agricole associate con una ventina di fornitori abituali, le aziende biologiche sono circa 50 e gli ettari coltivati complessivamente a ortaggi e frutta sono circa 300. Una ventina di operai, a secondo delle stagioni produttive, sono impiegati nel confezionamento dei prodotti, tra i principali da segnalare la commercializzazione di asparagi, carciofi, meloni, angurie, pesche, susine, peperoni, patate, zucchini, pomodori cavolofiori. A queste produzioni, molte delle quali dotate di cerificazione biologica, si affianca quella di trasformati a base di pomodoro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.