Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Riordino Province, Ceccarelli: serve percorso comune su scuola, salute, innovazione

Più informazioni su

GROSSETO – «Ha ragione il sindaco Bonifazi a parlare di sfida con le nuove Province. Il settore della pubblica istruzione è uno di quelli che potrà risentire maggiormente del riordino degli enti locali. La creazione di un ente di secondo livello può essere una sfida per accelerare un percorso unitario di servizi culturali e d’istruzione su più larga scala. Rimangono infatti fermi i punti riguardanti la programmazione della rete scolastica, i servizi di supporto alle situazioni di handicap e svantaggio, l’importantissima partita dell’edilizia scolastica. E’ una sfida che con gli amici di Siena dobbiamo vincere. Dobbiamo creare un modello di buona gestione, tutti insieme». Lo dichiara in una nota l’assessore alla Pubblica Istruzione, Politiche Sociali e Innovazione del Comune di Grosseto, Luca Ceccarelli (nella foto).

«Lo stesso vale per per le politiche sociali e di salute pubblica, tanto più in Toscana, dove si è deciso di chiudere l’esperienza delle Società della Salute, accusate di non avere un significativo impatto sulla programmazione regionale o sulla distribuzione delle risorse – ha aggiunto – Sarà necessario quindi ripensare i modi e gli strumenti dell’integrazione socio-sanitaria sul nuovo territorio, consci che gli obiettivi rimangono quelli di assicurare alle persone ed alle famiglie servizi sociali integrati, promuovere interventi per garantire la qualità della vita, pari opportunità, non discriminazione e diritti di cittadinanza, prevenire, ridurre o eliminare le condizioni di disabilità, di bisogno e disagio individuale e familiare che derivano da inadeguatezza di reddito, difficoltà sociali e condizioni di non autonomia. In pratica ciò che si proponevano le Società della Salute».

«Non va dimenticato, poi – prosegue Ceccarelli – il ruolo che importanti società a partecipazione pubblica svolgono nel campo strategico dell’innovazione, basti pensare a Netspring a Grosseto e a Terrecablate a Siena. Si tratta di due realtà in cui la Provincia ha un ruolo fondamentale e che impongono una seria riflessione per non disperdere, ma integrare, un patrimonio che definire centrale per l’uscita dalla crisi è quanto mai adeguato. Solo attraverso politiche di innovazione tecnologica, infatti, potremo dare nuova dignità ad un territorio vasto e ricco di peculiarità conosciute ed apprezzate in tutto il mondo. Come si può facilmente capire, per il raggiungimento di obiettivi così importanti ed ambiziosi, serve coesione e non campanilismo. Una politica seria non può prescindere da un lavoro quotidiano, fianco a fianco».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Massimo Travison

    Secondo me, visto che esistono già delle leggi dello Stato che prevedono i consorzi intercomunali tra gli enti pubblici, anzichè fare un vero e proprio sfracello che incasina la vita a milioni di cittadini e aziende italiane, sarebbe bastaro attivare e consorsiare i servizi tra provincie su base regionale e interregionale … si sarebbero ottenuti molti più risparmi e più dialogo tra enti e cittadini. La cancellazione delle provincie è un atto costituzionalmente illegittimo e l’elezione di rappresentanti di secondo livello è un orrore giuridico istituzionale. Mi sembra che questo modo di fare politica sia schizzofrenico e demenziale e come tale utilissimo a peggiorare in maniera esponenziale la situazione economica