Quantcast

A Massa arrivano “Le storie in camicia rossa” per ripercorrere le orme di Garibaldi

Più informazioni su

MASSA MARITTIMA – La biblioteca ed i Musei comunali di Massa Marittima riportano in città l’intera storia dell’Unità d’Italia, partendo dagli ideali di giustizia sociale, solidarietà e libertà da cui è nato il nostro Paese unito, grazie ad un evento ideato e realizzato in collaborazione con l’Associazione nazionale veterani e reduci garibaldini (A.N.V.R.G.), che deriva direttamente da quella Società di mutuo soccorso fra garibaldini che fu fondata dallo stesso Generale Garibaldi nel 1871. E’ l’appuntamento “Storie in camicia rossa” in programma per venerdì 26 ottobre alle 16,30 nella Biblioteca Comunale, durante il quale si parlerà di questa storica associazione e della sua altrettanto storica rivista “Camicia Rossa”, i cui primi numeri risalgono alla fine dell’Ottocento. Grazie alla partecipazione di Sergio Goretti, direttore del periodico, e di Paola Fioretti, Presidente della Sezione Toscana dell’A.N.V.R.G., sarà possibile per tutti i presenti entrare nella medievale Torre della Castagna, di Firenze, sede dell’Associazione e della rivista, ed ammirare la preziosa collezione di cimeli risorgimentali.

La parte centrale dell’incontro sarà poi il racconto di Luciano Luciani, scrittore, giornalista e attuale presidente della sezione di Lucca dell’Associazione, che presenterà due sue recenti pubblicazioni (“Storie in camicia Rossa” e “Minimo Ottocento”) attraverso un escursus storico lungo le vite dei personaggi ed i contesti sociali che hanno curvato la storia del nostro paese in favore della solidarietà e della democrazia. Le due pubblicazioni tracciano inoltre parallelismi, diversità e possibili raccordi tra passato e futuro, cercando di fornire alle generazioni attuali spunti di riflessione, supporto e sostegno, in questo difficile momento di disorientamento politico. Il racconto di Luciani sarà intervallato dalle “incursioni” di Gildo dei Fantardi, cantastorie lucchese, che eseguirà canti risorgimentali accompagnandosi con la chitarra.

La giornata si concluderà con la donazione di un’opera per la collezione risorgimentale del Comune: il pittore massetano Dino Petri, infatti, in occasione della conclusione delle celebrazioni per l’Unità d’Italia, che ha visto il Comune impegnato in numerose iniziative volte a valorizzare il patrimonio risorgimentale di proprietà comunale, ha proposto di donare il suo quadro “L’incontro di Garibaldi con i volontari massetani” che già da tempo aveva “prestato” all’Ente per arricchire una piccola esposizione di cimeli risorgimentali realizzata al Museo Archeologico in occasione delle Celebrazioni per l’Unità d’Italia. Il quadro, che sarà consegnato dallo stesso Petri nelle mani del sindaco, Lidia Bai, entrerà a far parte della collezione dei cimeli risorgimentali del comune e sarà inserito nel nuovo allestimento, in corso di progettazione, che troverà spazio nella nuova ala della Biblioteca Comunale.

Il sindaco Lidia Bai ed il vicesindaco Luana Tommi ringraziano Dino Petri per la donazione e l’intero gruppo dell’Associazione Nazionale Veterani e Reduci Garibaldini con gli esponenti della storica rivista “Camicia Rossa”, per l’impegno e la passione che continuano a spendere in favore della conservazione della memoria. «Una memoria- spiega il sindaco Bai- che non si limita ad una narrazione di come si svolsero gli eventi, ma scava nelle motivazioni, negli ideali e nei valori sociali da cui nacquero, crebbero e concretizzarono quegli eventi, ad opera di un gruppo di uomini. Del resto credo che sia sempre indispensabile ricordare, il valore insostituibile che una lettura profonda e completa del passato assume, per l’orientamento libero e consapevole delle coscienze del presente e del futuro.»

Più informazioni su

Commenti