Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Dall’Atlantico alla Maremma. Ecco il record di Simone Gesi

Più informazioni su

FOLLONICA – Il 2012 è anno dei tentativi di record velici. Per celebrare la “Transat 2011” di Simone Gesi e dare il “buon vento” ai due minnisti in gara nella “Les Sables – Açores – Les Sables”, il GV LNI Follonica ha ripreso una vecchia tradizione follonichese, quella della veleggiata “Foce Cervia – Cerboli – Foce Cervia”.

Con la collaborazione dell’ANMI “Sezione Chiti” di Follonica, il GV LNI ha organizzato la corsa a tempo sulla rotta che comprende il giro dell’Isola di Cerboli, andata e ritorno.

Definite le nuove regole: mese di agosto, vento superiore a 8 nodi e proveniente da 150° – 190° o 275° – 310° in modo da percorrere entrambe le tratte su un unico bordo (uno più di bolina e l’altro di gran lasco).

L’ANMI ha messo in palio il “Nastro bianco e azzurro” (i colori di Follonica, dell’ANMI e della LNI) per premiare l’eventuale nuovo record.

Questa corsa in barca a vela si è svolta dal 1995 al 2001 ogni anno: primo record di “Capirinha” (38 piedi), battuto nel 1997 da “Panzerene” (40 piedi) e nel 2001 da “Caredonne” (First Classe 8).

Il 16, 17 e 18 agosto si sono cimentati vari timonieri su due barche: un Benetau 25 (7,50 metri di lunghezza) ed il Mini 6,50 “Dagadà – Spirito di Maremma”, proprio la barca delle Transat 2009 e 2011.

Rotta 237° per Cerboli (57° il ritorno) su 20,2 miglia nautiche complessive. Ad assicurare la regolarità della competizione in mare hanno seguito l’evento Fausto Meciani (Presidente Comitato II^ Zona FIV) e Bruno Tamburini (Ufficiale di Regata internazionale).

Il 16 agosto, in acqua Stefano Barbi (un bronzo mondiale all’attivo) e Stefano Gesi (un europeo nel palmares); il 17, Paolo Fava (allenatore Marina Militare) e di nuovo Stefano Barbi; il 18, Simone Gesi sulla propria barca.

Vittoria e nuovo record della corsa proprio di Simone Gesi, che ha saputo sfruttare al meglio condizioni ottimali della direzione del vento 280° – 290°) pur con intensità tra 10 e 12 nodi. Il nuovo tempo è di 2 ore, 37′ e 25”, alla ragguardevole media (rispetto all’intensità del vento”) di 7,9 nodi, 5′ migliore di quello stabilito il giorno avanti da Paolo Fava sul “Benetau 25” e di 20′ circa di quello del 2001.

«L’idea adesso – dicono gli organizzatori – è quella di riproporre l’evento ogni anno, nello stesso periodo, coinvolgendo altre imbarcazioni da regata presenti nei porti del Golfo, con il limite di lunghezza a 35 piedi (circa 12 metri)».

La tre giorni è stata seguita in mare per lunghi tratti da altre imbarcazioni a vela ed a motore e, nella zona di partenza e di arrivo, dagli allievi delle squadre agonistiche del GV LNI, trasformando il tutto in tre giornate di mare e di festa.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.