Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Incendio al maneggio: difficile stabilire l’origine. Tutte le immagini del rogo foto

MARINA DI GROSSETO – Sarà difficile, almeno nell’immediato, stabilire le cause dell’incendio che, la scorsa notte, ha distrutto un maneggio a Marina di Grosseto. Le fiamme, che hanno portato alla morte di 19 tra cavalli e pony, hanno infatti distrutto tutto, stalle e selleria, lasciando dietro di sé un ammasso di macerie e strutture carbonizzate, oltre alle carcasse di 19 animali che erano il vanto del maneggio. Nel rogo, che si è sviluppato dopo l’una della notte tra venerdi e sabato sono morti anche due cani dobermann, mentre si sono salvati, per puro caso, otto pony e tre cavalli che erano stati alloggiati in un recinto all’aperto.

Nonostante l’intervento dei Vigili del fuoco le fiamme hanno divorato tutto con una voracità che lascia perplesso il titolare e gli stessi Pompieri, tanto che, tra le ipotesi al vaglio, c’è anche quella dell’incendio doloso. «L’incendio è durato pochissimo tempo – ha spiegato il titolare – I cavalli non hanno avuto il tempo di uscire: ai box non ci sono porte, ma catenelle che con un colpo avrebbero potuto abbattere, portandosi in salvo all’esterno. La stalla è lunga una cinquantina di metri e la lettiera è in materiale non infiammabile: strano che possa essere bruciata così velocemente».

Il maneggio Cavallo Natura, che si trova in località Pingrossino, è tra i più conosciuti in Italia per il turismo equestre, ed è in attività ormai da 15 anni. Tra gli animali morti anche due cavalli da concorso equestre e alcuni equini da carrozza utilizzati per manifestazioni in tutta la provincia.

E sull’incendio che ha distrutto il maneggio Cavallo Natura sono intervenuti anche Il sindaco di Grosseto e il vicesindaco: «Le fiamme di questa difficile estate hanno colpito nuovamente il nostro territorio e un’eccellenza di rilievo nazionale come il maneggio “Cavallo Natura”». Queste le prime parole del Sindaco Bonifazi appena messo a conoscenza dell’accaduto. «Quanto avvenuto questa notte – ha aggiunto – ci ferisce per le conseguenze e per il modo, considerando la dinamica tragica della morte di tanti cavalli e anche di alcuni cani. Una vicenda che segnerà, ahimè, la memoria stessa della città. Spero vivamente che questa splendida realtà che difende e promuove la stessa storia maremmana, possa risollevarsi presto e mettersi alle spalle questa giornata tanto triste e difficile. Aspettiamo anche di avere certezze sulle condizioni che hanno portato allo svilupparsi tanto rapido dell’incendio che ha ancora una volta messo a dura prova i nostri bravi vigili del fuoco».

Anche il Vicesindaco, Paolo Borghi ha voluto testimoniare «la vicinanza dell’Amministrazione ai titolari di “Cavallo Natura” per le conseguenze pesanti che l’incendio ha provocato al maneggio con l’immagine drammatica dei cavalli morti nell’incendio. Mi auguro – ha concluso – che venga presto fatta luce su quanto accaduto mentre rinnovo il ringraziamento a vigili del fuoco e carabinieri intervenuti prontamente».

A quanto si apprende il maneggio, in passato, non avrebbe mai subito pressioni, minacce o intimidazioni. Sulla dinamica del rogo sono in corso i rilievi dei Vigili del fuoco, le indagini dei carabinieri di Marina di Grosseto sono coordinate dal Pm Maria Navarro della Procura di Grosseto.

 (per ingrandire cliccare sulle foto)

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.