Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Costa Concordia: Legambiente chiede la demolizione in Toscana foto

ISOLA DEL GIGLIO – “La demolizione della nave Concordia deve essere fatta in sicurezza in Toscana. Impensabile che al danno si aggiunga la beffa di smantellare la nave fuori regione. Le fasi previste dal progetto sono molto delicate e mettono ulteriormente a dura prova il sensibile ecosistema marino con opere e strutture di grande portata. È fondamentale garantire una corretta informazione alle istituzioni coinvolte, sia l’amministrazione comunale gigliese sia le altre istituzioni locali, sugli sviluppi del progetto di rimozione. In una nota di Angelo Gentili, segreteria nazionale Legambiente durante un’iniziativa al Giglio nell’ambito di Festambiente, manifestazione nazionale Legambiente, chiede che lo smantellamento della nave Concordia avvenga in Toscana e chiede di partecipare all’Osservatorio dell’Osservatorio di monitoraggio sulla rimozione della Costa Concordia presieduto dalla Regione Toscana e insediatosi lo scorso 28 giugno.

“Nonostante la tragedia della Costa Concordia – afferma Sergio Ortelli, sindaco dell’Isola del Giglio presente all’iniziativa di Festambiente – la stagione turistica è stata positiva perché siamo riusciti a fronteggiare l’accaduto nel modo migliore. Per quanto riguarda i lavori di rimozione della nave posso dire, come osservatorio sulla rimozione della concordia, che ci sarà uno slittamento e non saranno terminati entro questo anno ma slitteranno nel 2013.

In un’area così preziosa delicata, compresa nel Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano e nel Santuario internazionale dei mammiferi marini Pelagos è di fondamentale importanza adottare una strategia efficace di tutela, sia nei confronti dell’ambiente marino sia per lo sviluppo di un turismo sostenibile in chiave ambientale. Proprio per questo è necessario fare tesoro degli eventi negativi accaduti recentemente nel nostro mare per intervenire positivamente sull’intero Arcipelago Toscano istituendo da subito l’Area marina protetta a cominciare dalle aree a mare già comprese nel Parco per estenderla alle acque dell’Elba e del Giglio. Ma l’Isola del Giglio, così come le altre perle dell’Arcipelago Toscano, hanno bisogno anche di puntare fortemente sulle energie rinnovabili e sulla mobilità sostenibile per fare da traino all’intero territorio.

“Per valorizzare e tutelare maggiormente le isole del nostro Arcipelago – ha sottolineato Umberto Mazzantini, responsabile nazionale Isole minori Legambiente – occorre puntare in maniera concreta e decisa sulle fonti energetiche rinnovabili. Oltre a incentivare il fotovoltaico, l’eolico e il solare termico, bisogna realizzare un modello di mobilità sostenibile tramite auto e autobus elettrici, come quelli del progetto Rama Elife avviato a Grosseto, utilizzando pensiline fotovoltaiche per l’approvvigionamento energetico, modernizzando la flotta dei traghetti, a cominciare dall’utilizzo di combustibili meno inquinanti e da un forte risparmio energetico, utilizzando per il trasporto pubblico e privato anche combustibili di transizione come il metano e puntando fortemente a realizzare un Arcipelago carbon free e ad emissioni zero”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.