Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Al Museo concerto per due pianoforti con Matteo Andreini ed Ettore Candela

Più informazioni su

GROSSETO – Ultimo appuntamento al museo di Storia Naturale con la musica d’estate promossa dalla Fondazione Grosseto Cultura. Sabato 11 agosto è in programma, alle 21,15, un concerto per due pianoforti con Matteo Andreini e Ettore Candela. Il programma prevede R. Kleinmichel: Ouverture dall’opera Il Barbiere di Siviglia di G. Rossini, F. X. Scharwenka: Sinfonia n° 5 di L. van Beethoven, W. Rihm: Invito alla danza op. 65 di C. M. von Weber, Milhaud: Brazileira da Scaramouche e G. Gershwin: Rapsodia in blue. L’appuntamento è al museo di Storia naturale in via Corsini, e l’ingresso è gratuito.

MATTEO ANDREINI, nato ad Arezzo nel 1969, ha iniziato giovanissimo lo studio del pianoforte con Itala Balestri Del Corona e successivamente con il Orazio Frugoni, sotto la cui guida si è brillantemente diplomato al Conservatorio “S. Cecilia” di Roma con il massimo dei voti. Si è perfezionato con i maestri Riccardo Risaliti, Aldo Ciccolini, Massimiliano Damerini per il pianoforte e con i maestri Danilo Rossi e Cristiano Rossi per la musica da camera. Vincitore di primi premi in vari concorsi da anni ha intrapreso la carriera concertistica suonando per importanti associazioni in diverse città. Nel 2000 ha effettuato una serie di concerti in Germania con il baritono Claudio Del Tin. Nel 2006 è stato invitato per una serie di concerti in varie città della Svizzera e a Salisburgo in Austria, dove ha suonato nella splendida cornice del Palazzo Arcivescovile, luogo nel quale sovente Wolfgang Amadeus Mozart eseguiva i propri concerti.

Ha tenuto concerti solistici con varie Orchestre tra le quali l’Orchestra Sinfonica “Guido d’Arezzo”, l’Orchestra Sinfonica “Città di Grosseto”, l’Orchestra Lirico-sinfonica di Lecco, l’Orchestra Filarmonica di Stato di Oradea, l’Orchestra Filarmonica “Oltenia” di Craiova, l’Orchestra Filarmonica “Mihai Jora” di Bacau, l’Orchestra Filarmonica di Vidin. Nel 98 e nel 99 è stato ammesso a frequentare il Corso di alta specializzazione nella professione d’orchestra svolto a Milano. Ha collaborato con vari direttori d’orchestra tra cui Lorenzo Castriota Skanderbeg, Paolo Biancalana, Carlo Moreno Volpini, Roberto Gianola, Ovidiu Balan, Franz Anton Krager, Francesco Seri, Mario Rorunda; inoltre con il violinista Francesco Fidel, con il fisarmonicista Alessandro Moretti, con i Solisti del Teatro Regio di Torino, con i soprani Eva Mei, Alessandra Rossi Trusendi, Luz de l’Alba Rubio, Anastasia Tomacewska e con il baritono Mario Cassi. E’ docente di pianoforte presso l’Istituto Comunale Musicale “P. Giannetti” di Grosseto ed è stato pianista collaboratore negli anni 2002 e 2003 della Stagione Lirica di Grosseto. E’ fondatore e direttore artistico dell’Orchestra Sinfonica “Guido d’Arezzo”.

ETTORE CANDELA Diplomato in Organo e composizione organistica presso il conservatorio “Giacomo Puccini” di La Spezia, in clavicembalo al conservatorio “Morlacchi” di Perugia, in pianoforte presso il Conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze e diplomando in musica corale e direzione di coro. Ha studiato composizione, analisi musicale, e canto gregoriano presso l’Istituto Diocesano di musica sacra di Firenze con Sergio Militello, Composizione liturgica, Organologia, Basso continuo e improvvisazione organistica presso l’Accademia di musica per organo di Pistoia con i maestri A.Galanti, E.Bellotti, Direzione d’orchestra presso “Gorizia Armonica Music Masterclasses” con Francesco Mander. Inoltre ha studiato come Organista e maestro di cappella al Conservatorio “Alfredo Casella”. Ha suonato come pianista in diversi Ensemble in Italia, Svizzera e Germania, presentando molte composizioni in prima esecuzione e rarità come il concerto per pianoforte e orchestra n.8 di Henry Herz con l’orchestra “Camerata Schubert “ di Mantova. E’ autore di molta musica per pianoforte, organo, cameristica e corale. Appassionato musicologo, ha tenuto seminari su Simbolismo teosofico nelle ultime sonate per pianoforte di Scriabin, sulle Variazioni Goldberg di Bach, sul Simbolismo teologico e struttura esoterica nelle grandi opere per clavicembalo di Bach, sulla Turandot e Tosca di Giacomo Puccini. Ha registrato per Penthafon (proprie improvvisazioni con il sassofonista Marco Falaschi) Amiata Records (Piazzola- Fortman) Phoenix Classic (Sinfonia Feudale per organo, clavicembalo sassofono e percussioni), Divine-Arte e Metier (UK). E’ docente di Cultura musicale generale (armonia e contrappunto), Informatica musicale e organo ed è collaboratore pianistico nelle classi di canto presso l’Istituto Musicale Comunale Giannetti di Grosseto.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.