Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Nasce Rama E-Life. La rivoluzione verde nei trasporti si potrà scoprire a Festambiente

GROSSETO – A Festambiente, all’interno di un rigoglioso giardino verde, sarà possibile ammirare per tutta la durata della manifestazione, il primo protagonista di E-life: l’autobus elettrico del segmento dei 12 metri; un concentrato di tecnologia e comodità a impatto zero, capace di un’autonomia di oltre 200 chilometri; fortemente concorrenziale con il trasporto tradizionale perché in grado di abbattere i costi di gestione,  con un significativo valore aggiunto per l’ambiente e la lotta alle emissioni che alterano il clima. Il prototipo è stato realizzato in Cina dove Rama ha sottoscritto un importante accordo con i due partner, la Ruihua new energy auto di Shangai e la Alfabus co. di Jiangsu, ottenendo l’esclusiva per i prossimi 8 anni nella promozione e commercializzazione in Europa.

Una delegazione cinese di amministratori e imprenditori sarà  in Maremma proprio in occasione della presentazione del progetto. Il 9 agosto, alle 17, i cinesi verranno accolti in Comune con la cerimonia di benvenuto; il 10 agosto parteciperanno all’inaugurazione di Festambiente, e alle 19 e 30 interverranno al convegno sulla mobilità sostenibile dal titolo “Italia Green, innovazione in chiave sostenibile per rilanciare il sistema Paese” a cui parteciperà anche il Ministro Corrado Clini. Sabato 11 agosto, alle 10, nel Palazzo della Provincia, si terrà la presentazione istituzionale del progetto E-life, con la firma di un importante accordo con Breda Menarinibus e un Protocollo d’intenti con Legambiente. Alle 19 e 30, a  Festambiente, il progetto verrà presentato alle aziende. Infine, domenica 12 agosto, alle 11,  all’azienda agricola di Alberese, in località Spergolaia, si terrà la conferenza dal titolo “Innovazione e mobilità sostenibile: i parchi incubatori di buone pratiche per servizi sostenibili”.

La società Rama E-life è stata costituita lo scorso luglio ed è composta dai soci Rama che sono: Provincia e Comune di Grosseto, tutti gli altri Comuni del territorio provinciale; Banca Etruria e Banca della Maremma, i due istituti di credito del territorio che hanno creduto nel progetto.

La joint-venture tra la società grossetana e le aziende cinesi non si esaurisce negli autobus elettrici: propone un nuovo modello di trasporto al pubblico e al privato che comprende l’intera filiera. “Il contratto di esclusiva è una grande opportunità – spiega Marco Simiani, presidente di Rama e Tiemme – con un potenziale commerciale enorme e inevitabili ripercussioni sul territorio, sia dal punto di vista sociale che economico. Intendiamo sviluppare l’intera filiera del trasporto elettrico, progettando il sistema infrastrutturale della mobilità, con stazioni multiutenza per la ricarica delle batterie di tutti i mezzi elettrici, comprese le automobili, le biciclette e i motorini. La dimostrazione del valore eccezionale del progetto l’accordo quadro che andremo a sottoscrivere con Breda Menarinibus. Il progetto E-life pone la Maremma all’avanguardia nella mobilità ecosostenibile ed ecocompatibile”.

“La scommessa imprenditoriale di Rama – dichiara Leonardo Marras, presidente della Provincia di Grosseto – si colloca nell’orizzonte ideale di un territorio che ha l’ambizione di tracciare una propria via allo sviluppo sostenibile. In questo progetto stanno dentro molte cose: l’idea che la cooperazione tra pubblico e privato può migliorare la qualità della vita delle persone; che il mercato è una grande occasione se al centro dei processi economici rimane l’uomo; che la scala provinciale, distrettuale o di area vasta, è quella a partire dalla quale si possono costruire strategie di governo e percorsi imprenditoriali”.

“Con questa operazione  – aggiunge Emilio Bonifazi, sindaco di Grosseto – la Rama ha realizzato un’importante partnership internazionale che punta alla diffusione nel mercato italiano ed europeo di una nuova generazione di autobus elettrici, all’interno del quale la società maremmana avrà un ruolo di primo piano. Una dimostrazione delle capacità che il nostro territorio sa esprimere: la Rama, grazie ad una tecnologia all’avanguardia ecologica ed efficiente, per la prima volta può guardare ai mercati europei puntando su un elemento ormai imprescindibile per tutte le città moderne, la mobilità sostenibile”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.