Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Fiaccolata dei tifosi: il Grosseto prova a difendere la Serie B

GROSSETO – Una fiaccolata di sostegno, di solidarietà e di amore verso i colori biancorossi. E’ quella organizzata dai tifosi del Grosseto che questa sera sfileranno per le vie del centro cittadino per una protesta civile nei confronti dei provvedimenti richiesti dal procuratore federale Stefano Palazzi. Il Grosseto rischia seriamente la retrocessione in Lega Pro, decisa a tavolino, per questo i sostenitori del Grifone hanno scelto di manifestare in modo singolare. Difficile stabilire se basterà, perché intanto da Roma arrivano le prime voci, riportate sul quotidiano sportivo La Gazzetta dello Sport, non certo favorevoli al Grosseto. La retrocessione in Lega Pro del Grosseto, appare piuttosto scontata almeno per quanto riguarda il processo sportivo di primo grado. Un motivo in più per protestare, civilmente, da parte dei supporters maremmani, portatori sani, in questa circostanza, di valori che interessano un intero territorio. Un passo in avanti è stato compiuto anche dalle istituzioni che lentamente hanno scelto di sostenere il Grosseto in questa battaglia e aderire all’iniziativa. Certa, ad esempio, sarà la presenza del presidente della Provincia Leonardo Marras.

Si prevede comunque una lunga battaglia per il Grosseto, forse la più difficile della centenaria storia. Il processo sportivo appare indecifrabile, lo stesso Camilli, dopo l’audizione, si sentiva tranquillo per la mancanza di prove di colpevolezza a suo carico, ma al tempo stesso inquieto per l’imprevedibilità della giustizia in materia. Una cosa è certa, il presidente del Grosseto darà battaglia in ambito legale finché ci sarà una minima possibilità di evitare il sinistro, quanto apparentemente ingiusto, provvedimento di retrocessione. Non è un caso che anche il presidente della FIGC Giancarlo Abete, abbia considerato l’ipotesi di uno slittamento dei calendari. Ciò che all’inizio dell’estate, lo stesso Abete, scongiurava in maniera secca e decisa, sta divenendo quindi materia di riflessione. Quanto al Grosseto e a tutta la Maremma, difendere la Serie B appare una necessità, oltre che un punto di onore. L’augurio è che da questo momento di difficoltà, arrivi una ritrovata compattezza di intenti, a partire dal famigerato zoccolo duro della tifoseria, per arrivare al singolo cittadino.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.