Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Olimpiadi: Alessandra Sensini chiude l’avventura con il nono posto

Più informazioni su

di Lorenzo Falconi

GROSSETO – L’ultimo atto della sesta, personale, Olimpiade, si chiude con l’ottavo posto nella Medal Race per Alessandra Sensini. Un piazzamento in linea con tutte le altre regate disputate sulle acque di Weymouth and Portland, in cui l’atleta maremmana ha faticato sempre tanto a trovare le condizioni ottimali per esprimersi al meglio. Londra 2012 si chiude quindi con il nono posto in classifica generale, un piazzamento come a Barcellona 1992 (quando ci fu l’esordio) che fa da sandwich ai numerosi allori, fatti di oro, argento, bronzo, conquistati in quattro differenti edizioni dei giochi olimpici. Lontana dalla zona medaglie, Alessandra Sensini ha stretto i denti e dato battaglia fino all’ultima regata, chiusa con un ritardo di 1:36 dalla spagnola Alabau. Proprio l’iberica, si è meritatamente messa al collo la medaglia dal metallo più prezioso, chiudendo con 26 punti totali, 20 in meno della finlandese Petaja, argento con 46 punti. A chiudere il podio la polacca Klepacka, con un bronzo strappato sul filo di lana nei confronti dell’ucraina Maslivets.

Ammettiamolo, un pizzico di delusione per il risultato ottenuto a Londra c’è in tutti noi. Siamo sicuri che Alessandra Sensini ce lo concederà, perché lei stessa avrebbe voluto dare molto di più in questa edizione dei giochi. A prescindere dalle motivazioni, che siano atletiche, mentali, o ambientali, eravamo stati abituati bene dalla regina del windsurf. A margine di questo risultato quindi, un po’ di rammarico è comprensibile, anche se ben presto la ragione soverchia il sentimento. In fin dei conti Alessandra Sensini è stata protagonista di sei Olimpiadi, vissute in età differenti nell’arco di 20 anni, ma sempre con lo stesso spirito. Per questo motivo, ci sentiamo ugualmente di rendere omaggio ad una grande atleta, dall’encomiabile impegno sportivo, dallo spiccato spirito olimpico e perché no, simbolo della Maremma. Per questo non rimane che esprimere un grande, infinito, grazie, per le imprese sportive compiute durante una lunga carriera da Alessandra Sensini. La Maremma ringrazia, e attende il ritorno della sua campionessa.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.