Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Mail di protesta al Governatore della Toscana contro la caccia ai cuccioli di daino

GROSSETO – Centinaia di lettere di protesta contro l’uccisione dei cuccioli di daino e capriolo. Sono quelle giunte, almeno a quanto dichiarato dai comitati e dalle associazioni ambientaliste, presso le loro sedi. «Sulla vicenda degli abbattimenti autorizzati dal primo di agosto fino al 30 Settembre – affermano dal Coordinamento dei Comitati della Provincia di Grosseto insieme alle Associazioni WWF, LAC (Lega Abolizione Caccia), ITALIA NOSTRA e ACU (Associazione Consumatori Utenti), a cui si sono aggiunti la LAV (Lega Anti Vivisezione) e alcuni volontari di ADI (Associazione di Idee) – abbiamo promosso un evento su un famoso social network (facebook) invitando tutti gli amici a scrivere al Presidente della Regione Toscana e della Provincia di Grosseto. Ad oggi risultano inviate centinaia di mail e non è finita qui. Infatti, i volontari di ADI, hanno deciso di chiedere una mano, anche ad “Agire Ora”, un importante network in difesa degli animali, e invitato tutti gli iscritti a proseguire con le mail di protesta.»

«Ci chiediamo ancora – proseguono comitati e associazioni – come sia possibile che i cacciatori che costituiscono l’1% della popolazione siano riusciti ad ottenere, un giorno prima dell’approvazione del calendario venatorio, un aumento dei giorni di caccia di selezione da due a cinque (erano inizialmente previsti soltanto il lunedì ed il giovedì) e la possibilità di cacciare i cuccioli dal primo di Agosto nonostante il parere contrario dell’ISPRA (l’Istituto tecnico scientifico dello Stato). Ricordiamo che questi abbattimenti oltre a comportare atroci sofferenze alle madri che si vedrebbero uccidere i loro piccoli, non porteranno a riduzioni dei danni all’agricoltura che sono dovuti, soprattutto, all’introduzione di specie non autoctone a scopo venatorio. Altro grave problema causato dalla caccia è la dispersione nell’ambiente di tonnellate di piombo che vanno ad inquinare gravemente i terreni coltivati e le falde acquifere.»

«Inoltre, – sottolineano – procedere con questi abbattimenti in pieno periodo turistico, può causare gravi pericoli per l’incolumità pubblica. Basta leggere i quotidiani per sapere che negli ultimi giorni e nonostante la chiusura della caccia, un uomo con il suo fucile, ha ucciso un agricoltore dopo averlo scambiato per un cinghiale a Chieti, e nel livornese un altro ha ucciso il suocero per lo stesso motivo. Per questo, – concludono – ribadiamo il nostro “no” agli abbattimenti e non escludiamo nuove forme legittime di protesta.»

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.