Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Dopo Ilaria D’Amico a Capalbio libri una storia sulla vita dopo la morte con l’esordio di Sergio Grufi

Più informazioni su

CAPALBIO – Dopo la presentazione del libro di Ilaria D’Amico “Dove io non sono” a Capalbio libri domani sera, mercoledi 8 agosto, alle 19.00, arriva Sergio Garufi. Cosa succede quando si continua a vivere dopo essere morti? Quando la propria esistenza resta attaccata alle persone che abbiamo e che ci hanno amato? Ai luoghi, agli oggetti e ai libri? Com’è ricordare e raccontare la propria vita dal di fuori? E muoversi per quei luoghi che abbiamo attraversato anche da vivi? Questo è quello che accade al protagonista del romanzo di esordio di Sergio Garufi, “Il nome giusto”, pubblicato dalla casa editrice Ponte alle Grazie.

Un racconto fatto di citazioni e di continui rimandi letterari, con una forte componente autobiografica, che parte dalla morte del protagonista, un milanese quarantottenne (come Sergio Garufi); una morte con cui però non finisce tutto, ma attraverso la quale inizia un viaggio a ritroso nella propria esistenza. Senza angosce, ansie o forti nostalgie, il protagonista parla di sé, della sua passione per la scrittura e per i libri, in modo asciutto e privo di retorica. L’omaggio al mondo dei libri emerge sin dal titolo “Il nome giusto” che cita Franz Kafka:

“Si può benissimo pensare che la magnificenza della vita sia pronta intorno a ognuno e in tutta la sua pienezza, ma velata, nel profondo, indivisibile, lontanissima. E però non ostile, non riluttante, non sorda. Se la si chiama con la parola giusta, col nome giusto, viene”.

Sul palco rosso di Piazza Magenta, Sergio Garufi presenterà il suo romanzo con Giuseppe Marchetti Tricamo, storico e docente universitario, con la sociologa Grazia Attili e con la scrittrice e sceneggiatrice Teresa Ciabatti.

Il tema sonoro della serata, scelto dal direttore musicale della manifestazione Massimo Nunzi, sarà firmato dall’Hard Chord Trio, un gruppo capitolino che coniuga il jazz classico con echi di sonorità rock, attraverso arrangiamenti e vere e proprie riscritture di brani di gruppi cult (Police, Led Zeppelin, Nirvana, Rolling Stones, Radiohead, e molti altri).

Capalbio Libri è anche su TWITTER, @capalbiolibri, #capalbiolibri, su FACEBOOK, su YOU TUBE e sul sito www.capalbiolibri.it

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.