Villaggi ai terremotati, anche alcuni soci sono favorevoli

FOLLONICA – «La proposta avanzata dalla lista civica “Follonica Libera” di aprire i villaggi turistici ai terremotati trova il plauso di un gruppo di soci del MareSì di cui faccio parte». Così Valerio Pascucci, socio della struttura ricettiva della città del Golfo, che “rivednica” anche la primogenitura dell’idea. Pascucci infatti spiega che nei giorni subito dopo il sisma insieme ad altri soci del MareSì inviò una mail al sindaco di Cavezzo, uno dei comuni colpiti, e una al presidente della cooperativa che MareSì. Proposta che come dice Pascucci «non ha avuto seguito» perchè non è stata colta «l’imortanza di una simile iniziativa sia a livello di immagine, sia nel quadro di una strategia operativa da portare avanti parallelamente alle lunghe e variegate dispute legali».

«Da parte nostra, consapevoli di rappresentare una parte molto minoritaria dei soci del Maresì – scrive Pascucci –, non possiamo che registrare con soddisfazione la presa di posizione del consigliere regionale del Pdl, Luca Agresti, il quale chiede al comune di Follonica di rispettare la normativa regionale senza forzature e pretese sulla gestione e sulla fruizione del villaggio da parte dei soci. La presa di posizione di Agresti rappresenta, se non altro, una nota positiva da non disperdere e da sfruttare per aprire varchi a possibili soluzioni anche tra i componenti dello schieramento politico al quale appartiene il sindaco Baldi».

Commenti