Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Turismo, Terzo Polo: «Follonica manca di un progetto serio»

Più informazioni su

FOLLONICA – Crisi economica e situazione di difficoltà anche per il settore del turismo. Da Follonica arrivano le critiche del Terzo Polo alla mancata adesione da parte della città del Golfo ai progetti di promozione turistica e delle eccellenze del nostro territorio come la Festa della Maremma e di Maremma Wine Food Shire in programma il prossimo fine settimana.  «Perché Follonica – si chiedono i rappresentanti di Api, Psi, Udc e Verdi – non ha partecipato a questi importanti eventi? Perché non riesce ad avere un ruolo centrale in iniziative importanti come Maremma Wine Food Shire, che consentirebbero di far svolgere un ruolo di primo piano alla nostra città?».

«Follonica – si legge nella nota dei 4 partiti – è al palo, lo affermano inesorabilmente anche le associazioni di categoria sconcertate nel vedere le strade vuote e nell’ammettere che il mare ed il sole (le pinete ormai stanno morendo) non sono più sufficienti per competere nel mercato globale del turismo».

«Tutta colpa della crisi, oppure l’Amministrazione Comunale continua a derubricare il turismo ad un ruolo secondario? Beh, visti i risultati ci chiediamo quale e come sia stata svolta l’attività di coordinamento del’Amministrazione Comunale. Alla fine , ciò che i cittadini e commercianti pagano e pagheranno sulla loro pelle, saranno la tassa di soggiorno e la chiusura dei Villaggi turistici. Nei fatti strumenti recessivi di cui albergatori ed esercenti farebbero volentieri a meno».

«Follonica manca di un progetto serio ed ha bisogno, come il pane, di un Assessorato al Turismo forte, dotato di competenze vere, portafoglio ed uffici che funga da vera e propria cabina di regia per il settore ormai primo della nostra economica. Purtroppo l’Amministrazione Comunale non ha mai ritenuto indispensabile la presenza struttura comunale di settore ritenendo, al contrario, che il turismo si risolva in una città pulita ed accogliente o attraverso la cura delle piccole cose quotidiane. I risultati sono, ahinoi, sotto gli occhi tutti. Se almeno le strade ed il verde pubblico fossero pulite potremmo rendere un po’ di merito. Anche se sarebbe veramente molto poco».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.