Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La Provincia insieme ad Oxfam per aiutare le popolazioni povere della Bosnia Erzegovina

Più informazioni su

GROSSETO – Migliorare le condizioni di vita delle popolazioni povere che vivono nelle campagne della Bosnia Erzegovina favorendo lo sviluppo del turismo ambientale e sostenibile. E’ questo l’obiettivo principale di un progetto di cooperazione internazionale che ha come partner la Provincia di Grosseto, insieme a Oxfam Italia, Wwf, Centro di studi Turistici di Firenze, Green Tour, Oneworld, piattaforma per il sud est Europa, Cooperazione italiana.

Il progetto dal titolo “Sostegno alla creazione e promozione di percorsi di turismo ambientale e sostenibile in Bosnia Erzegovina”, è stato completamente finanziato dal Ministero degli Affari Esteri ed è in fase di conclusione. Uno dei risultati più importanti è stata la realizzazione di 3 guide turistiche in lingua slava e inglese. Tre pubblicazioni pensate per dare un forte contributo alla promozione delle risorse ecoturistiche delle tre valli dei fiumi Drina, Neretva e Una Sana, terre meravigliose e ancora poco conosciute dal turismo italiano. Una delle guide è dedicata alle risorse ambientali, storico-culturali e paesaggistiche; una alle produzioni artigianali e gastronomiche; e la terza alle bellezze architettoniche.

“La Provincia di Grosseto – spiega Tiziana Tenuzzo, assessore provinciale alla cooperazione internazionale – è impegnata dal 2006 nello sviluppo del turismo ambientale e sostenibile  in Bosnia Erzegovina. In questo progetto, avviato nel 2009, il nostro contributoè stato soprattutto in termini di trasferimento di knowhow e scambio di buone pratiche. Il modello di promozione turistica della provincia di Grosseto è diventato oggetto di studio da parte di una delegazione della Bosnia Erzegovina che è venuta in Maremma nel 2010, per uno scambio di esperienze e per vedere da vicino alcuni esempi virtuosi di turismo sostenibile che si sono sviluppati nel nostro territorio. Parallelamente un gruppo di giornalisti italiani, specializzati in materia, hanno visitato la Bosnia Erzegovina. Si sono così consolidate delle relazioni che ci consentono di porre le basi di un circuito dedicato al turismo sostenibile e ambientale”.

“Abbiamo chiesto la collaborazione della Provincia di Grosseto – aggiunge Alessandro Bechini, funzionario di Oxfam Italia – perché è un territorio che ha caratteristiche ambientali simili alla Bosnia Erzegovina e al tempo stesso ha maturato una grande esperienza nel settore turistico. Con questo progetto siamo andati ad intervenire in un Paese in cui lo sviluppo economico è stato fortemente compromesso dalla guerra e abbiamo fornito degli strumenti per crescere. In particolare, abbiamo formato 24 addetti agli info point turistici in Bosnia Erzegovina, 15 mediatori culturali e 30 persone che si occupano di micro-ricettività. In Bosnia Erzegovina è stato inoltre realizzato un Centro informativo sul turismo sostenibile, sono state ristrutturate 20 case inserite in un catalogo sulla ricettività ed è stata effettuata una mappatura sulla flora e la fauna delle aree protette. Ma non è tutto: abbiamo creato un brand unico per le 3 valli e un Comitato di coordinamento che oltre a far ripartire lo sviluppo economico ci consente di stimolare la ripresa del dialogo ad oggi ancora fortemente compromesso nell’area balcanica.”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.