Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Degrado a Gavorrano, cittadini preoccupati: «Ci sentiamo completamente abbandonati»

Più informazioni su

GAVORRANO – Panchine rovesciate, un’altalena rotta, la vasca della fontana lasciata all’incuria e persino una discarica di calcinacci non lontana dal centro abitato. Alcuni cittadini di Gavorrano, preoccupati per lo stato di degrado del loro paese, hanno preso carta, penna e macchina fotografica e hanno documentato quella che secondo loro è una situazione non più tollerabile. In particolare hanno descritto con tanto di immagini fotografiche la condizione del parco pubblico di piazza XXIV Maggio e dell’area verde nella zona della Finoria (nella foto la discarica di calcinacci).

«Protestiamo – si legge nella lettera – come abitanti per 365 giorni all’anno dei nostri luoghi ai quali siamo molto affezionati. Ma ci preoccupano tantissimo anche altre cose ad esempio: ma che immagine diamo ai turisti che vogliamo avere se ci presentiamo così male? E con che faccia l’Amministrazione comunale chiede la tassa di soggiorno? Ci sentiamo completamente abbandonati. In tempi molti più difficili nel passato non si è mai verificato nulla di simile».

Ma a preoccupare questo gruppo di cittadini non sono solo le condizioni di degrado del parco pubblico di piazza XXIV Maggio o la discarica nella zona del parco della Finoria (nelle foto). Nella loro lettera vengono elencate anche altre “emergenze”. Tra queste «lo scempio del Parco Minerario e della Miniera ex Marchi, il teatro comunale abbandonato al suo nefasto destino, la segnaletica orizzontale e verticale oramai inesistente».

E tra le segnalazioni dei cittadini c’è anche lo stato in cui versano i castagni di Gavorrano. Gli alberi, alcuni anche secolari, sarebbero stati colpiti da una particolare malattia provocata da quella che comunemente viene chiamata “Vespa cinese” e che impedisce alla pianta di svolgere il suo normale ciclo naturale e di produrre frutti. Una “piaga” che in termini ambientali potrebbe costare molto al territorio di Gavorrano.

(per ingrandire le foto cliccare sulle immagini)

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da vitaliano castelli

    QUANDO IL GATTO UN C’E’ I TOPI BALLANO ! E IL GATTO……….UN C’E’ !

  2. Scritto da Topi Loreno

    E’ di pochi giorni fa , la scoperta di una grossa discarica abusiva vicino B.Ravi…….una discarica che era lì da circa 10 anni , dentro un piccolo bosco piena di ogni sorta di rifiuti, e nessuno se ne era accorto……….ma come ci fanno notare i cittadini esiste nel comune un’altra discarica ancora più grossa. Sono i mucchi di calcinacci, le lavatrici , i televisori abbandonati un po dappertutto. , basta fare una passeggiata in campagna per vedere dietro ogni siepe, o dentro le fossette, mucchi di detriti edili, o bidoni pieni di plastiche ….nascosti alla menopeggio. Per non parlare poi dell’amianto, che da quando è riconosciuto tossico e il Coseca giustamente non lo ritira………prima di pagare un piccolo onere per portarlo in discarica, viene abbandonato in ogni dove. Ma dove è finito il rispetto dell’ambiente, dove è finito l’interesse per il nostro territorio, quello che i cittadini gavorranesi hanno messo al primo posto nella campagna di ascolto fatta dal PD circa un anno fa. Dove è finito il nostro interesse per la natura che ci ha portato a ristrutturare una serie di agriturismi per promuovere il turismo nella nostra Maremma……..un paesaggio che non ha eguali. Ricordiamoci che se non rispettiamo l’ambiente intorno a noi, non rispettiamo nemmeno noi stessi…..
    P.s. queste cose , come le vedo io e tanti altri, dovrebbero vederle anche chi è addetto ai controlli del territorio, per cui, chi di dovere sarà meglio che si dia una mossa……!!!!