Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sottoterra una Caldana tutta da scoprire foto

Più informazioni su

di Giulio Gasperini

CALDANA – Ogni visitatore che passa per Caldana e ha la fortuna di trovarle aperte rimane impressionato e sbalordito dallo splendore e dall’imponenza delle cantine che impreziosiscono Caldana Vecchia: una serie di piccoli tesori, dal Cantinone ai vari altri locali che scendono nelle profondità del suolo e diventano la perfetta location suggestiva per eventi e manifestazioni, come la Sagra d’Autunno e i più recenti Mercatini di Natale. In pochi sanno, infatti, che Caldana Vecchia è percorsa da una fitta rete di cunicoli e passaggi, costruiti probabilmente durante le varie fasi di incastellamento per collegare le varie cantine e offrire percorsi di fuga in caso di pericolo. I principali cunicoli, infatti, sono due: uno che parte da sotto il muro della Chiesa di San Biagio e si spinge fino ai Fontini; l’altro, invece, che parte dall’enorme cantina sotto la Chiesa e si spinge in direzione opposta, scendendo fino alle pendici della collina, in località Bagnaccio – laddove, una volta, sgorgavano le acque calde.

Qualche caldanese li ricorda sempre, codesti cunicoli, anche se da anni sono chiusi e non più percorribili. Furono utilizzati anche durante la guerra, perché durante i bombardamenti e in situazioni di pericolo i caldanesi vi si nascondevano e vi trovavano riparo. Poi, per varie ragioni, i collegamenti divennero impraticabili e non più accessibili. Uno crollò, secondo alcune ipotesi, a causa dello sprofondamento di un pino (quelli che intorno alla metà degli anni Sessanta furono piantati sulla salita della Chiesa, e che per tanti anni hanno rappresentato un tipo skyline del paese). Fino a quella data, infatti, il cunicolo era aperto e i ragazzi – in tanti lo ricordano – ci andavano persino a giocare.

Adesso l’Associazione “Società di Mutuo Soccorso” ha incaricato un gruppo di geometri per verificare l’effettiva situazione dei cunicoli e per capire se siano effettivamente crollati e se possano tornare agibili, così da restituire al paese un’ulteriore immensa ricchezza.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.