Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Grosseto, con il liceo Rosmini, festeggia i 20 anni di scambi culturali con la Francia

Più informazioni su

GROSSETO – Un’amicizia in nome dello scambio linguistico e culturale che dura da 20 anni e che questa mattina è stata celebrata nella sala del Consiglio comunale.

È quella iniziata nel 1992 tra il liceo linguistico Antonio Rosmini di Grosseto e il liceo Saint Paul di Besançon in Francia e che a distanza di tanti anni continua a vedere impegnati gli alunni delle due scuole in un proficuo scambio di visite nei rispettivi Paesi.

“L’amministrazione comunale si unisce ai festeggiamenti per questo importante traguardo del Rosmini – dice l’assessore alla Pubblica istruzione, Luca Ceccarelli -, accogliendo con favore questa attività di arricchimento culturale e personale, che vede protagonisti i nostri giovani in Italia e all’estero. E plaude all’impegno costante e alle iniziative di questo istituto, e di tanti istituti cittadini, che vanno oltre la didattica tradizionale, sperimentando sempre nuove vie di crescita degli alunni, in aula e in contesti diversi. Cosa questa che, allo stesso tempo, porta il nome di Grosseto in giro per il mondo”.

“Il liceo Rosmini è una scuola che si distingue da sempre per la capacità di recepire vari input anche dall’esterno – ha aggiunto l’assessore alla Cultura, Giovanna Stellini -; oltre ai gemellaggi, infatti, ricordiamo la grande tradizione dell’attività teatrale. E l’impegno con il Consiglio dei giovani europei”.

Ogni anno, gli studenti del liceo linguistico cittadino accompagnati dai professori sono accolti dai corrispondenti francesi, ospitati dalle loro famiglie e dal liceo Saint Paul per quanto riguarda la frequenza dei corsi.

L’esperienza, della durata di una settimana, permette il potenziamento delle competenze linguistiche e l’arricchimento formativo dei ragazzi. Nel periodo di soggiorno gli studenti vengono coinvolti in escursioni di carattere storico-artistico e a Strasburgo possono toccare con mano la professione di interprete nella sede del Parlamento europeo.

In una seconda fase gli studenti francesi soggiornano a Grosseto ospitati dai loro amici-corrispondenti, frequentano le lezioni al liceo Rosmini e vengono portati a visitare il patrimonio storico, artistico e culturale di Firenze, Siena o Roma. O come quest’anno, di Tarquinia e Pompei.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.