Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Musica e giovani, Borghi lancia l’idea di una sala prove al Teatro delle Rocce

Più informazioni su

GAVORRANO – Un magazzino potrebbe trasformarsi in sala prove per le band musicali del territorio. L’idea è di Massimo Borghi che sta pensando di realizzare in uno dei locali che sono stati ricavati sotto la tribuna del Teatro delle Rocce uno spazio tutto dedicato alla musica e ai giovani.

Come spiega il sindaco nel comune di Gavorrano da tempo si è sviluppato un movimento molto significativo anche dal punto di vista culturale legato alla musica e alla band emergenti.

«I ragazzi fanno le loro prove nei posti più disparati, garages, fondi, vecchi poderi abbandonati e spesso si levano le lamentele dei cittadini e le proteste per i suoni e per le prove musicali».  Per questo Borghi ha pensato alla soluzione di una sala prove pubblica, di proprietà comunale, che possa rispondere alle necessità dei più giovani senza creare disagi.

«C’è una forte richiesta di un luogo dove poter suonare – dice Borghi -, dove poter effettuare le prove che giustamente si rende necessario a tutti coloro che vogliono dedicarsi al canto ed alla musica. Ritengo che il luogo deve essere, luogo pubblico, a disposizione di tutti. In questi giorni sono venuto a conoscenza, che esiste un luogo di proprietà comunale, oggi usato come magazzino, che potrebbe fare al caso in questione. Si tratta di fondo posto sotto le tribune del teatro delle rocce, grande abbastanza e con piccoli aggiustamenti può essere reso immediatamente fruibile come sala prove».

Per la sua collocazione quello spazio oltre a essere ospitato in un luogo straordinario dal punto di vista della memoria e della cultura, un luogo simbolico per tutta la comunità di Gavorrano,  si trova distante dai centri abitati e questo eviterebbe anche i disagi dovuti al rumore.

«Naturalmente  – conclude Borghi – serve un’associazione culturale, in grado di gestire il luogo, di convenzionarsi con il Comune e soprattutto di trasformarlo in luogo aperto a tutti coloro che sul nostro territorio stanno producendo musica».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.