Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Degrado nel centro storico, Gavorrano Democratica chiede spiegazioni

Gavorrano– Sono tre gli aspetti che Gavorrano Demcratica, il movimento civico presente in consiglio comunale tra i banchi dell’opposizione, ha messo in evidenza nell’interrogazione presentata dal capogruppo Etser Tutini: il degrado del centro storico di Gavorrano capoluogo, le sorti della sala polivalente dell’ex cinema teatro e la manutenzione del campetto per le attività fisiche. Un’interrogazione nata «per dare seguito alle tante richieste fatte da molti cittadini».

A preoccupare i rappresentanti di Gd è soprattutto «la situazione di degrado del centro storico di Gavorrano – si legge nella interrogazione depositata il 15 novembre scorso -, dove emerge oltre alla necessità di pavimentazione delle strade in particolare Via Pannocchieschi, uno stato di degrado igienico dovuto alla presenza di animali: cani ma soprattutto gatti, di cui una parte appartenenti ad una colonia felina esistente il cui buon funzionamento rispetto alle norme che ne regolano la gestione andrebbe monitorato periodicamente. Inoltre, lo stato di avanzamento dei lavori di consolidamento delle mura di Via San Giuliano procede a rilento alla conclusiva riqualificazione, causando disagio alla popolazione relativamente ai parcheggi» .

«Sempre a Gavorrano vorremmo sottolineare il grave stato di degrado in cui si trova il campetto sottostante la Piazza della Resistenza, comunemente denominata la Palestra, l’unico luogo di aggregazione per ragazzi esistente nel paese. L’erba alta, ma soprattutto la presenza di rifiuti di vario genere, ne inibiscono l’utilizzo da parte dei ragazzi e principalmente da parte della Scuola che la utilizzava per le lezioni di educazione fisica».

«Restando in tema della mancanza di centri di aggregazione,la Sala Polivalente , ex Cinema Teatro di Gavorrano, è chiusa per inagibilità da ormai troppo tempo, essa rappresenta un luogo nevralgico al centro del paese per le attività culturali e ricreative promosse dalle Associazioni, per le assemblee, gli incontri e i dibattiti, non appare ben chiara la gravità dei motivi che ne hanno determinato la chiusura, l’entità degli interventi e la stima della spesa per la ristrutturazione».

Per approfondire si può leggere il testo integrale della interrogazione cliccando su questo LINK.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.