Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Memorie di Miniera: gli uomini e le donne foto

Più informazioni su

di Silvano Polvani e Maurizio Orlandi

Terza Parte – A causa del carattere prettamente maschile dell’attività mineraria e della mancanza di impieghi alternativi stabili per le donne, sussisteva nella vita sociale del paese una rigida separazione tra i due sessi. Si può dire anzi che in generale, le attività del tempo libero costituivano una prerogativa per i soli uomini in quanto vigeva nella mentalità e nella cultura della comunità mineraria un’esplicita emarginazione delle donne. A parte le feste più importanti, come le serate danzanti, le fiere ed i mercati, cui partecipava tutta la popolazione, qualsiasi iniziativa o interesse, soprattutto se coincideva con il turno di lavoro del marito, veniva considerato negativamente. Nell’ambito della divisione del lavoro comunemente sancita infatti, il compito delle donne rimaneva esclusivamente quello delle “faccende di casa“, senza altre possibilità di autonoma partecipazione alla vita sociale.

I luoghi di ritrovo più comuni per le mogli dei minatori erano la Fonte e la Chiesa. Il primo in particolare, dove si conveniva per il rifornimento dell’acqua e per il lavaggio del bucato, era da tutti conosciuto come il centro in cui le donne del paese si scambiavano e creavano le notizie della cronaca minuta. La Chiesa, poi, rappresentava per le donne un momento di evasione e di socializzazione che segnava una significativa divergenza di interessi con gli uomini.

I minatori di Gavorrano infatti, come del resto quelli di tutti gli altri paesi minerari della Maremma, non erano assidui frequentatori delle chiese ed anzi erano portati a considerare la pratica religiosa ed i preti proprio come “ cose da donne “. Un tale comportamento tuttavia, non aveva mai raggiunto forme estreme e tutti, chi più chi meno, rispettavano l’autorità religiosa, facevano battezzare i propri figli e contraevano matrimonio nella chiesa del paese.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da il fanta

    Nel periodo sopra citato esisteva un altro tipo di socializzazione e di passatempo che veniva esercitato nelle case. Si trattava della ” veglia” coiè donne edd uomini si ritrovavano in giorni alterni nelle case di qualche famiglia e parlavano del tempo, delle proprie esperienze a lavoro, del governo e dei padroni, oppure si giocava a carte. Alla veglia partecipavano intere famiglie compreso i bambini a cui veniva lasciato solitamente uno spazio per giocare a campana, per lo scambio delle figurine o con le palline di vetro se si era ricchi altrimenti con i tappini di metallo della gassosa. L’orario della veglia era solitamente da dopo cena a non più tardi di mezza notte.