Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ineleggibilità, la prima udienza l’8 settembre

Più informazioni su

di Daniele Reali

Gavorrano – E’ stato il prefetto di Grosseto ad avviare la procedura di azione popolare sul caso della presunta ineleggibilità di Massimo Borghi. La citazione è stata notificata in questi giorni al primo cittadino di Gavorrano. L’udienza presso il tribunale civile di Grosseto è stata fissata per il prossimo 8 settembre in camera di consiglio.

«Si tratta di una procedura amministrativa – ha spiegato il sindaco Borghi – e ringrazio il prefetto di Grosseto per averla avviata perché si potrà fare maggiore chiarezza». Una procedura che prevede tre gradi di giudizio come vuole la giustizia amministrativa e che si concluderà con una sentenza definitiva. Alla conclusione del procedimento se ci dovesse essere un esito negativo il sindaco decadrà, ma non saranno sciolti nè la giunta nè il consiglio comunale. A Governare al posto del sindaco – come è stato spiegato in conferenza stampa dallo stesso Borghi – subentrerà fino alla date delle elezioni anticipate (che si terrebbero nella prima data utile su decisione della prefettura) il vicesindaco.

«Questa procedura non prevede il commissariamento del comune come invece qualcuno ha cercato di far credere ai cittadini di Gavorrano – ha detto Borghi – . Io voglio rassicurare i cittadini e dire loro di stare tranquilli che continuerò a governare fino all’ultimo grado di giudizio e nel caso in cui dovessi perdere la causa, lo dico fin da ora, io mi ripresenterò alle elezioni».

Durante l’incontro con i giornalisti Borghi ha puntato il dito contro chi – ha spiegato – da giorni va diffondendo notizie false che riguardano questa vicenda. «Devo tutelare la mia persona – ha detto Borghi – La notifica che ho ricevuto riguarda una procedura amministrativa e non si può parlare di illegalità e di reati perché non siamo in presenza di un procedimento penale. Quello che ho ricevuto non è un avviso di garanzia. Devo tutelarmi e ho già iniziato a raccogliere materiale che circola anche su Facebook e che riguarda la mia persona: da oggi in poi farò così».

Il sindaco di Gavorrano lo ha messo in evidenza più volte: questa storia con la politica c’entra poco. «Personalmente non credo che ci siano state pressioni sulla prefettura o sulle istituzioni. Io ho fiducia nelle istituzioni e nella magistratura». Ma le critiche alla politica locale da Borghi sono arrivate sopratutto per le voci che sarebbero state fatte circolare. «Ci sono esponenti di vertice della politica di Gavorrano che sono andati nelle piazze dai cittadini a raccontare cose che non conoscevo neanche io. Comunque io sono sereno e continuerò a governare nell’interesse della comunità e anzi aumenterò la mia presenza sul territorio».

A “circondare” Borghi per esprimere la loro solidarietà e il loro totale sostegno anche rispetto a questa nuova fase di incertezza della politica gavorranese c’erano i rappresentanti della sua maggioranza e delle forze politiche che lo hanno affiancato anche durante la campagna elettorale: Mauro Giusti, capogruppo di maggioranza, Nicola Menale, segretario comunale di Sel, Rossano Galletti, segretario comunale del Psi, Edoardo Bertocci, segretario provinciale dei Verdi, Gianfranco Mazzi, assessore esterno al bilancio, Antonio Melillo e Massimiliano Rossi del comitato cittadino “Gente Comune”.

A difendere Borghi nell’udienza dell’8 settembre saranno due avvocati: Mario Michele Gianrusso del foro di Catania, avvocato che è stato messo a disposizione di Massimo Borghi dalla Fondazione Caponnetto, e Nicola Tamburro del foro di Grosseto.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Daniele Reali
    Scritto da giuncarico

    Per l’utente “vanessa mori”: ringraziamo del suo contributo; le decisioni che la redazione prende in merito alla moderazione e pubblicazione di eventuali commenti dipendono esclusivamente dalla scelta della redazione. Se la redazione ha ritenuto per qualsiasi motivo di non pubblicare un commento come è già successo in passato più di una volta dipende dal fatto che la redazione non lo ritiene idoneo. Questa scelta può essere contestata, ma deve essere rispettata. Grazie

    Lo staff del Giunco.net

    1. Scritto da vanessa mori

      Rispondo cercando di rimanere nell’ambito della cortese correttezza. Il commento di cui trattasi a nome di Carusi Michele è stato pubblicato perchè letto da, spero, centinaia di persone. Perciò il fatto è successivo. Se tale commento è stato cancellato e a mio modesto parere si trattava di alcune righe molto rispettose, corrette, la motivazione probabilmente sta nel taglio politico? In qual caso ne prendo atto ringrazio l’attento controllore del Giornale Il Giunco. Con le dovute scuse.

  2. Scritto da vanessa mori

    perchè avete cancellato il commento di carusi michele? Era un commento con stesura corretta e nulla di offensivo, semplicemente un pensiero e un opinione.L’ho letto nel primo pomeriggio e adesso vedo che non c’è più.A qualcuno a dato fastidio?

  3. Scritto da Tosi Lino Isacco

    Ritengo che la legge che vieta al dipendente comunale di fare il sindaco nello stesso comune sia giusta e vorrei che si parlasse anche di questo.
    E’ purtroppo tollerato aggirarla, ma nei modi e nei tempi previsti ( trasferimenti in altri comuni, aspettativa temporanea ecc.) e di questo ne risponderà politicamente il soggetto interessato.
    Sono d’accordo che la questione vada chiarita e che ci sia una sentenza qualunque essa sia per togliere ogni legittimo dubbio sulla regolarità della cosa.
    Mi domando però cosa c’entra la fondazione Caponnetto che mette a disposizione un avvocato.Pensavo si occupasse di mafia.