Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Quando la beneficenza fa il tutto esaurito foto

Più informazioni su

di Annalisa Mastellone

Bagno di Gavorrano – Oltre 400 le persone che domenica si sono ritrovate alla casa del popolo di Bagno per partecipare alla cena di beneficenza in favore dell’Associazione Italiana Persone Down, Aipd, di Grosseto. Un successo inaspettato che ha felicemente sorpreso gli organizzatori, Alice Naso e Matteo Mazzini, che hanno ideato e promosso, con il sostegno di commercianti e associazioni del paese, questo lungo pomeriggio all’insegna della solidarietà per raccogliere fondi da donare alla giovane associazione grossetana, impegnata dal 2004 in attività e programmi di integrazione sociale delle persone down.

Grazie al tutto esaurito registrato per la cena (15 euro a testa, con menù fisso, completo dall’antipasto al dolce), ammonta a più di 6.000 euro il ricavato della serata, allestita da tanti volontari all’aperto, con lunghissime tavolate che hanno ospitato decine di famiglie. Presente anche il sindaco Massimo Borghi. Le ore sono volate vie tra una portata e l’altra, accompagnate da sfilate, balli, giochi e applauditissimi concerti dal vivo dei gruppi musicali che si sono esibiti coinvolgendo le tante persone presenti.

“Ringraziamo tutti quelli che hanno partecipato – hanno commentato soddisfatti e orgogliosi Alice e Matteo, vicepresidente di Aipd Grosseto-. E’ stato un successo inaspettato e gradito la presenza di 400 persone, fa piacere scoprire così tanta gente solidale intorno a noi. Un grazie particolare va a coloro che hanno reso possibile questa magnifica serata: Simone Pazzaglia, Vitaliano Castelli, tutte le donne della cucina, i ragazzi di Pian di Rocca, Francesco Carli per il service, i cori “La Compagnia del Riccio”, “The Alice’s Dream Gospel Choir”, la band grossetana “L’Autostrada Del Soul”, le ragazze della sfilata curata da “Hairstylist Annalisa” e “Magnolia” estetista, il centro educativo e nido “Il Faro”, le operatrici dell’Aipd, le due Valentine, Nicoletta, Sophie, Alessandro con le loro famiglie, Irene Massetti e Carmen Furci, e tutti quelli che abbiamo dimenticato. Grazie di cuore”.

E’ tanta la soddisfazione anche da parte di Loriano Baccetti, presidente dell’Aipd di Grosseto, molto colpito dalla grande partecipazione che ha avuto questa gara di solidarietà, felice di poter investire in nuovi progetti i soldi raccolti grazie all’impegno di tante persone.

“Sono contento – ha detto – perché la gente ha risposto numerosa e in modo inaspettato a quelle che sono le finalità della nostra associazione, nata per promuovere iniziative volte a favorire la piena autonomia e integrazione delle persone con sindrome di down. Ringrazio tutti gli organizzatori che a Bagno hanno dato vita a questa splendida e accogliente serata, che testimonia il coinvolgimento e la sensibilità di tanti in merito alla malattia, su cui continuiamo a divulgare informazioni, conoscenze e notizie. Il ricavato di questa giornata ci aiuterà a portare avanti i nostri progetti futuri. E’ un dono graditissimo, e non ci aspettavamo una simile partecipazione. Visto che purtroppo le Amministrazioni danno quello che possono, ben vengano manifestazioni del genere che ci permettono di sostenere le nostre attività. E speriamo che le persone siano sempre più coinvolte in iniziative di sensibilizzazione come questa”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da CASTELLI VITALIANO

    questo articolo tiene conto solo di alcune presenze istituzionali e non dice, anzi nessuno lo dice, che un partito intero era impegnato sopratutto in cucina, dando da mangiare a 500 persone e non chiedendo nemmeno un euro x le spese . Pazienza !