Quantcast

Anche Gavorrano ha la sua radio: tutta rock e muscoli foto

Più informazioni su

Dall’idea di due ragazzi è nata “Gavorrano on the rock” la web radio che trasmette via internet dal nostro comune e strizza l’occhio alle radio libere degli anni ’70

di Barbara Farnetani

Gavorrano – La radio? Anche a Gavorrano, da oggi, è sul web. L’idea è nata a due dj, Massimiliano Orlandi e Niccolò Cecchi, in arte Mino del Metallo e Steroid Rock, che hanno cercato, e trovato, un modo per condividere la musica che più amavano, il rock, con gli amici. Nonostante i mezzi tecnici di fortuna quello che ne è nato è un vero e proprio show, un laboratorio con musica e ospiti dal vivo. Uno spettacolo che va in onda tutte le sere alle 21.30.

“Gavorrano on the Rock”, il nome di questa radio che, dal web, strizza l’occhio all’epopea delle prime radio libere, quelle, per intenderci, degli anni ’70. Musica dura ed emozionale anticipata da spezzoni di film, da “Guerre stellari” a “Pulp fiction”, e commentata, anzi, sottolineata, dalle parole dei due dj gavorranesi, che, come due Caronte della musica, accompagnano e guidano l’ascoltatore attraverso i gironi del rock. Questo è l’indirizzo web per poter ascoltare “Gavorrano on the Rock”: www.spreaker.com/show/gavorrano_on_the_rock (in alto la home page della webradio).
Ma andiamo a conoscere meglio i due intraprendenti dj in questa intervista a quattro mani:

Come è nata l’idea di fondare una web radio a Gavorrano?
L’idea nasce in un luminoso pomeriggio di aprile mentre eravamo in casa, annoiati, a vagare sul web ed ascoltare musica. Stavamo ragionando su quanto potesse essere divertente poter condividere la nostra musica oltre le mura domestiche senza però ricevere denunce per disturbo della quiete pubblica dai vicini. La risposta era semplice: la radio! Si è scatenata immediatamente una ricerca a tappeto sul web per vedere quali strumenti quest’ultimo ci poteva offrire. La risposta finale la conoscete.

Perché avete scelto il rock?
Perché è la musica che ci piace e che più ci rappresenta. E forse quella che ultimamente è meno diffusa dai mass media che sembrano dimenticare il ruolo fondamentale che questo genere, e tutte le sue sfaccettature, ha avuto nel corso della storia musicale e non solo.

Quante persone sono coinvolte in questo progetto?
L’idea nasce da noi due: Massimiliano Orlandi e Niccolò Cecchi, in arte rispettivamente Mino del Metallo e Steroid Rock, due nomi che sono tutto un programma. Al momento stiamo proponendo uno show giornaliero che va in onda la sera alle 21:30 a cui hanno già partecipato alcuni amici del luogo in veste di ospiti, alcuni anche particolari (come non ricordare il misterioso Psychedelic Man).

Quali sono i programmi per il futuro?
Abbiamo intenzione di proseguire in questo progetto nonostante l’impegno non sia da sottovalutare. Ovviamente ci stiamo già organizzando per ‘arruolare’ nuovi speaker e dj in modo da ampliare il nostro palinsesto ed introdurre nuove trasmissioni. Inoltre stiamo offrendo la nostra collaborazione su un’altra web radio che coinvolge speaker non professionisti da tutta Italia e sulla quale andiamo in onda ogni venerdì sera alle 21 con una trasmissione chiamata Gavorrano on the Rock. Di programmi veri e propri per il futuro non ne facciamo, andiamo avanti giorno per giorno cercando di migliorarci sia nell’attrezzatura, sia nella qualità delle nostre prestazioni, sperando che il progetto possa crescere.

Dove ha sede la radio?
La radio ha sede a Gavorrano in via della Serra, trasmettiamo via web con un’attrezzatura abbastanza improvvisata, ma ci stiamo attrezzando con il passare del tempo. Al momento abbiamo un microfono a condensatore degli anni 60 e ben due microfoni del ‘canta tu’.

Pensate che le web radio possano ripercorrere l’epopea delle prime radio libere degli anni 70?
L’idea delle web radio è fantastica. Sapevamo della loro esistenza ma non avevamo mai approfondito l’argomento. Non sappiamo se possono ripercorrere il cammino delle radio libere degli anni 70 ma di sicuro sono la cosa che in questi anni più gli somiglia. E`vero, forse non esiste più lo spirito di quegli anni, ma il web ti permette di raggiungere un pubblico più vasto, con la possibilità di trovare tra loro tutti quelli che tale spirito tutt’ora conservano dentro.

Vi aspettavate il successo che avete raggiunto anche in termini di ascoltatori?
Successo forse è una parola grossa ma indubbiamente siamo molto contenti della risposta avuta in così poco tempo. Speriamo di poterci risentire tra un po’ di tempo e di poter parlare veramente di successo.

Più informazioni su

Commenti