Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Di Massa a Borghi: Gavorrano merita di più

Più informazioni su

Il candidato del centrodestra risponde all’ex sindaco

Gavorrano – Botta e risposta a suon di comunicati tra Jurij Di Massa (foto a destra) a Massimo Borghi. Alle dichiarazioni dell’ex sindaco in riferimento alle parole di Di Massa, il candidato del centrodestra non ha fatto attendere la sua risposta sopratutto per quanto riguarda la questione dell’appartenenza politica dei tre candidati suoi avversari.

«”Nulla quaestio” – scrive Di Massa rivolgendosi a Borghi – sul dato di fatto che sono a Gavorrano, per mia scelta, da due anni, può allora spiegarmi come mai “la sua completa conoscenza del tessuto politico gavorranese” non ha impedito che un programma suffragato nella passata tornata da larga maggioranza dei nostri concittadini, risultasse alla prova dei fatti vanificato? Allo stato attuale Lei (Massimo Borghi, ndr) si è politicamente imparentato con una formazione che nella sua ormai decaduta amministrazione si opponeva alla sua azione politica, ed il suo ex capogruppo di maggioranza Francesca Mondei, che come Lei scrive si è “affacciata alla politica locale da pochi anni e della quale ignoro i suoi trascorsi in merito”, rappresenta, le parole sono di Balloni “un partito isolato, guidato dalle solite tre o quattro persone che vogliono rifarsi una verginità mettendo come facciata una candidata a Sindaco”».

«A giudicare dai risultati politici – aggiunge Di Massa -, realmente e concretamente ottenuti, la “res publica ” gavorranese merita maggior dedizione e più proficuo studio per una miglior comprensione, che a quanto pare, non è sempre correlabile al tempo di permanenza in un luogo.”Aliud legere ac aliud intelligere” recita un vecchio adagio latino. In altri termini stare in un luogo è condizione indispensabile ma non sufficiente per comprenderne gli avvenimenti».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Carla

    Non ho mai dato il voto al centrodestra, ma l’accanimento gratuito che avete contro gli uomini del centrodestra mi fa pensare che non avete argomenti, ci penserò ancora, ma quello che dice questo Di Massa lo voglio proprio sentire.

  2. Scritto da Raniero

    Il mondo è bello perchè è vario, a qualcuno piace la cultura ed a qualcun altro (come al sig. Guarino), il culturismo.

    1. Scritto da Ernesto Guarino

      Certo! Signor Raniero, esponiamo, anzi “ostentiamo” la nostra muscolatura culturale, ce lo possiamo permettere, non siamo “gracilini” e “fragili” in questo campo. Siamo anche un pò artificiali, usiamo anche gli “integratori” che per noi sono la buona
      capacità di interagire con i newmedia. Ma le nostre citazioni sono tutte precise e a tutte “a proposito.
      Cerchiamo inoltre di far uso di “BROCARDI”, ma quando è utile e non fuorviante.

      1. Scritto da il FANTA

        “Se’ tornato Jurista?
        Dolce e piana fa vista
        e non troppo allegando,
        leggi multiplicando.
        Né curar di broccardi,
        ma cerca y casi e tardi
        ‘adira o far contesa
        con chi l’à prima impresa,
        ch’uno experto è più dextro
        che tu di leggi presto.”

        1. Scritto da Ernesto Guarino

          I “brocardi”, dice, sono buoni anche fritti. Qualcuno però più premuroso, li mette anche “sott’olio” da usare per le scadenze elettorali a venire. Vanno bene colle bracioline e con qualche bistecchina di maiale; ma per contorno. Un bravo ristoratore può farne buon uso!

  3. Scritto da CASTELLI VITALIANO

    cara elena io non ti conosco e vedo che ti sono leggermente antipatico, pazienza, resto simpatico a un migliaio di persone e le faro’ votare x francesca. io come vedi metto nome e cognome, se vuoi anche il cellulare 3357690740, qualora tu mi volessi spiegare il perche’ di tanta avversione nei miei confronti. Io ho sempre spiegato le mie idee alla luce del sole e probabilmente sono queste che a te e ad altri non piacciono. Cmq io rispetto le tue.

  4. Scritto da Ernesto Guarino

    A noi poverelli le matasse paion più imbrogliate, perché non sappiam trovarne il bandolo; ma alle volte un parere, una parolina d’un uomo che abbia studiato……..Bene, – continuò AGNESE (dicendo a Renzo e a Lucia ndr): – quello è una cima d’uomo! Ho visto io più d’uno ch’era più impicciato che un pulcin nella stoppa, e non sapeva dove batter la testa, e, dopo essere stato un’ora a quattr’occhi col dottor AZZECCA-GARBUGLI (badate bene di non chiamarlo così!), l’ho visto, dico, ridersene. Pigliate quei quattro capponi, poveretti! a cui dovevo tirare il collo, per il banchetto di domenica, e portateglieli; perché non bisogna mai andar con le mani vote da que’ signori. Raccontategli tutto l’accaduto; e vedrete che vi dirà, su due piedi, di quelle cose che a noi non verrebbero in testa, a pensarci un anno.

    ALESSANDRO MANZONI – I PROMESSI SPOSI

  5. Scritto da Elena

    Povera Francesca, tu Vitaliano a forza di promuoverla la stai facendo diventare antipatica!

  6. Scritto da CASTELLI VITALIANO

    non voglio essere giustamente censurato ; non avendo io rudimenti di latino, non me la sento di entrare in una cosi’ dotta discussione sulla liberazione di Gavorrano. Ecco xche’ da non acculturato, poiche’ ritengo che i cambiamenti avvengano sempre quando scendono in campo nuovi protagonismi, votero’ e faro’ di tutto x far eleggere a sindaco FRANCESCA MONDEI ! Una donna per la prima volta sindaca, le sue capacita’, le sue idee SONO LA VERA NOVITA’ ! TUTTO IL RESTO E’ ROBA VECCHIA DI QUASI MEZZO SECOLO !

  7. Scritto da il FANTA

    – Io personalmente preferisco le diciture in greco antico, sul piano etico è molto più confacente alla nostra cultura mediterranea antica quando si parla del sociale e della politica, ma non sgradisco anche le diciture in latino quando riguardano il diritto, basta che queste abbiano uno stile. Comunque confermo che il Dott. DI MASSA sta giustamente sfruttando una situazione politica a lui, o meglio,a loro favorevole non tanto per merito suo ma per demerito degli altri. Io naturalmente avendo una concezione politica di sinistra, ma rispettoso degli altri, non sono contento della possibilità, o meglio della opportunità, che si è creata scelleratamente al centro destra. Però riconosco nel dott. Di Massa una lucidità di analisi, che non condivido, anzi mi è avversa, quando dice che oggi allo stato attuale la destra ce la può fare. Ce la può fare perchè quando personaggi del centro sinistra, da sempre vincente nel nostro territorio, non si sforzano di far capire alla gente che è il centro sinistra che è il migliore, per le sue idee, i suoi obbiettivi, le sue coscenze, e non è la persona, ” IO SONO MEGLIO DEGLI ALTRI” non fa altro che alimentare la divisione e tutti lo capiscano, è solo l'”io” che non potrà mai capirlo. Una altra piccola considerazione, io mi sono sempre guardato bene dalle persone che “non cambiano mai idea” l’evolversi delle situazioni politiche e sociali nel nostro paese impongono ogni giorno una analisi una riflessione e spesso quello che era, non è più. La persona intelligente cambia idea, nell’ambito naturalmente delle proprie concezioni, l’uomo tutto di un pezzo, che non cambia mai idea, non serve a se stesso e non serve al paese. Una cosa non capisco, è il titolo della campagna elettorale del centro destra, e lopongo come domanda, “liberiamo Gavorrano” da chi? da cosa? Gavorrano ha avuto due liberazioni nella propria storia la prima dal fascismo e la seconda dal paternalismo oppressivo della montecatini. Ora a chi tocca?