Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Circo, dalla protesta alla raccolta di firme

Più informazioni su

Andrea Biondi lancia su Facebbok l’idea di presentare una mozione alla prossima amministrazione comunale attraverso una petizione: «È una battaglia apartitica e animalista»

Bagno di Gavorrano – Una mozione per chiedere regole certe e a tutela degli animali. L’idea è di Andrea Biondi (foto in basso), già consigliere comunale nella passata legislatura e capogruppo del centrosinistra “unito” ai tempi dell’amministrazione Borghi. Il problema denunciato in primis da Simone Pazzaglia sulle pagine di Facebook è legato alla attuale collocazione delle strutture del circo che in questi giorni sono ospitate in una delle piazze centrali di Bagno di Gavorrano. Un denuncia quella di Pazzaglia che in poco tempo è stata sostenuta anche da altri residenti di Bagno, pronti a manifestare il loro dissenso per una decisione, quella di far sistemare il circo vicino al parco, alla piscina e alla scuola del paese, considerata da molti poco felice.

Da qui l’idea di Biondi di riproporre una mozione che l’ex consigliere aveva predisposto prima dello scioglimento del consiglio comunale e che era rimasta “in un cassetto” a causa della fine anticipata della legislatura e che casca proprio a pennello in questo momento particolare alla vigilia di una lunga campagna elettorale.

(nella foto un’immagine della campagna promossa dalla Lav “Senza animali il circo è più umano”)

«Se una parte di cittadini sono pronti a sostenerla (la mozione, ndr) – ha scritto Biondi sulla sua bacheca di Facebook -, in forma apartitica come ogni battaglia animalista e di civiltà, possiamo presentarla all’Amministrazione Comunale, chiedendone l’osservanza e soprattutto chiedendo che sia adottata qualsiasi sia il nostro prossimo Sindaco. Tanto più che in tal caso, l’interesse verso la causa animalista, si sposa con l’interesse del cittadino a non subire tali disagi, dato che i maggiori problemi sono portati proprio dalla presenza di animali, spesso anche di grandi dimensioni».

Ma cosa viene proposto con la mozione pensata da Biondi? Il documento chiede al sindaco di regolamentare il settore degli spettacoli che utilizzati animali selvatici ed esotici attraverso un’ordinanza. L’invito è rivolto naturalmente al prossimo sindaco di Gavorrano e nella mozione si chiede un impegno concreto e preciso: l’ordinanza dovrà essere emanata entro giugno 2011. Il principio cardine contenuto nel documento finale, l’ordinanza chiesta con la mozione, è il rispetto e la tutela degli animali attraverso il rispetto delle normative vigenti. Una regolamentazione certa e precisa che preveda anche la possibilità di non autorizzare allo spettacolo le imprese del settore “circo” che non rispettino l’ordinanza del comune di Gavorrano.

L’iniziativa di Biondi ha avuto sin da subito un buon riscontro sul social network Facebook: sulla piazza virtuale in tanti hanno accettato di sostenere la “battaglia” dell’ex consigliere comunale tanto che Biondi stesso ha deciso di trasferire la sua idea della rete alla realtà. Nei prossimi giorni verranno raccolte le firme per sostenere la presentazione della mozione. Una volta raggiunta una quota significativa di firme la mozione sarà “portata” in comune e depositata per essere poi affidata in “eredità” al prossimo consiglio comunale e al prossimo primo cittadino.

Tra le idee lanciate da Biondi anche l’organizzazione a Gavorrano di una iniziativa in collaborazione con la Lega Antivivisezione.

Per completezza abbiamo deciso di pubblicare il testo integrale della mozione in modo da poterlo consultare: testo della mozione.

Per approfondire: www.lav.it

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da marta

    Essendo io un’animalista convinta, alzerei ed amplierei il livello della discussione allargandolo alla presenza degli animali nei circhi. Credo che starebbero molto meglio nei loro luoghi di origine, senza essere lo zimbello degli animali a due zampe, esattamente come riporta il manifesto della lav. Non pretendo che tutti la pensino come me, mi piacerebbe al momento che tutti si ponessero almeno il problema, facendosi delle semplici domande…. grazie.

    1. Scritto da Lino Mecacci

      La mia era solo misera ironia da quattro soldi! Mai vorrei elevarmi agli alti livelli della politica locale. Mi scuso!

  2. Scritto da Lino Mecacci

    Il circo è il vero nemico del popolo gavorranese. Abbiamo capito solo ora qual’è il vero grande problema! Via il circo e tutti i problemi verranno risolti. Bravi. Questa sì che è sinistra!

  3. Scritto da Mario Giometti

    L’iniziativa è giusta, per carità, ma il circo a Gavorrano c’è tutti i giorni? O una volta all’anno se capita? Con tutti i problemi accumulati da una crisi politica doveva essere proprio il circo a svegliare le menti di certi politici gavorranesi? Su tutte le altre proposte che sono state fatte si è sorvolato come niente fosse, sul circo invece…… Comunque è giusto! Ma anche ai “circensi” che vivono di questo pane dovrà essere consentita la sopravvivenza.