Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Gavoranno, un mercato per puntare in alto

Più informazioni su

Calciomercato: l’Unione Sportiva si rinforza per centrare l’obiettivo playoff

di Massimo Galletti

Gavorrano – Mentre il campionato di Seconda Divisione Lega Pro si ferma per la sosta di una settimana, in casa Gavorrano si lavora per farsi trovare pronti la prossima settimana, con i maremmani che andranno a fare visita al temibile Poggibonsi. E’ una squadra strana quella allenata da mister Magrini. Capace di battere la capolista Carpi in casa, di perdere in trasferta con la Giacomense la settimana dopo e di rimontare sempre in casa due gol al Chieti fino a sfiorare il successo.

Per questi motivi la società del presidente Mario Matteini (foto in basso) è tornata sul mercato cercando di rinforzare e di fornire al tecnico dei rossoblu una squadra più competitiva con operazioni a costo zero. Viste le difficoltà economiche del calcio a tutti i livelli, le operazioni incrociate che sono state effettuate hanno sortito un risultato eccellente.Il calciomercato del Gavorrano ha dato i suoi frutti partendo dall’acquisto più importante, l’attaccante Damiano Biggi, un vero e proprio regalo della proprietà del Gavorrano ai suoi tifosi. Di sicuro Biggi è il giocatore che negli ultimi anni ha dato maggiore continuità nella fase offensiva. E’ arrivato anche Fanelli, un «centrocampista offensivo con un centinaio di presenze in lega pro». Fanelli è rientrato nella trattativa con l’Avellino per Peluso. Altri invece sono i giocatori che a Gavorrano ci sono già da tempo e che alla fine sono rimasti, pur essendo finiti sul mercato, come Curcio, Loseto e De Gori. Sono tutti a disposizione del mister anche se De Gori ha rifiutato una proposta fattagli dalla Paganese.

La sfida con la capolista: sopra una fase di gioco dell’incontro tra Gavorrano e Carpi, la prima partita della stagione giocata sul campo del Maslervisi e vinta per 2 a 1 dalla squadra Magrini

Sono due gli aspetti che risaltano alla fine del mercato: il Gavorrano si è rinforzato soprattutto in chiave offensiva e il costo delle operazioni, attraverso i prestiti, non ha influito in nessuna maniera sui costi societari. La società si è mossa per rinforzare l’attacco, il reparto che aveva mostrato maggiori difficoltà nelle ultime settimane. Anche il centrocampo era numericamente incompleto e adesso è stato consolidato. Per quanto riguarda i contratti, e di conseguenza il monte ingaggi, anche in questo caso si è trattato tutto a costo zero, dato che le operazioni si sono concluse in termini di prestito, in perfetta linea con le direttive della società maremmana, ovvero quelle di contenere i costi strizzando l’occhio alla classifica con l’obbiettivo che rimane sempre quello di centrare i play off.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.