Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I centauri di Giuncarico

Più informazioni su

Giuncarico – Fuoristrada per i sentieri più belli del nostro territorio, attraversando mezza Toscana, sfrecciando in sella a moto che non temono il fango, l’acqua e le strade sterrate: una motocavalcata da 240 chilometri per un’impresa che vale il titolo di centauri.
Tre giuncarichesi, Marco Ramazzotti e i fratelli Patrizio e Nicola Panerati con il supporto indispensabile di Michele Amadori che ha garantito i rifornimenti, sono stati tra i protagonisti di una delle gare più affascinanti tra i percorsi enduro d’Italia: la “Colle-Follonica” erede della più conosciuta e storica motocalvata Siena Follonica. Un appuntamento che anche quest’anno ha visto la partecipazione di centinaia di moto, circa 700, partite da Colle Val d’Elsa, in provincia di Siena, di buon mattino e arrivate in riva al Golfo nel tardo pomeriggio.
La manifestazione da anni viene organizzata nell’ultima domenica di aprile, ma l’edizione 2010 è stata anticipata di una settimana.

Sopra: al momento della partenza da Colle Val d’Elsa in provincia di Siena. Da sinistra Marco Ramazzotti, Patrizio Panerati e Nicola Panerati.

All’alba di domenica 18 i tre motociclisti giuncarichesi hanno raggiunto Cole Val d’Elsa e sono partiti alla volta della Maremma. Un percorso molto impegnativo che ha tenuto sulle moto i nostri compaesani per più di sette ore. Sul tragitto di gara i nostri centauri hanno dovuto fare i conti con strade accidentate, guidi di torrenti, dislivelli da capogiro e tanto tanto fango.

Il Giunco c’è: nella foto i tre centauri con l’immancabile maglietta porta fortuna del Giunco

Come si vede nelle immagini che abbiamo pubblicato in alcuni casi è difficile distinguere anche il colore delle moto tanto sono state ricoperte, quasi in modo uniforme, dal colore della terra. Non sono mancati momenti di tensione e difficoltà durante il percorso, ma quello che conta è che Marco, Nicola e Patrizio abbiano tagliato il traguardo finale vicino alla Torre Azzurra di Follonica, a pochi metri dal mar Tirreno. Stremati, ma soddisfatti per aver partecipato e per poter dire a tutti: “Vedete tutte quelle moto? Noi c’eravamo”.

Ma la passione per l’enduro e per le moto non è una novità dell’ultima ora per questi tre ragazzi, amici del nostro blog, da sempre vicini a tutte le iniziative del Giunco. Da tempo infatti a Giuncarico si è costituito un piccolo gruppo di appassionati del fuoristrada su due ruote che ogni settimana si ritrova per scoprire nuovi sentieri della nostra campagna. Un gruppo affiatato che ha dimostrato come anche inuna piccola realtà come quella di Giuncarico si possa creare un sodalizio vincente, che porta in alto in giro per la Toscana e per l’Italia il nome del paese e della comunità.

Sopra: finalmente a Folloinca, subito dopo aver tagliato il traguardo.

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da silvia

    complimenti!!!
    è un piacere rivedervi dopo così tanto tempo,anche se in foto, e sapere che le passioni rimangono negli anni!

  2. Scritto da nicola panerati

    complimenti, l’articolo mi a fatto rivivere quei momenti, che per me sono stati unici.
    ringrazio pure io la redazione per aver pubblicato questo breve racconto di una giornata indimenticabile.
    spero che ci siano altre motocavalcate per poter raccontare e condividere questi momenti stupendi.
    un saluto a tutti e soprattutto ai riders del giunco..by ktm 525 nikke

  3. Scritto da marco ramazzotti

    Vermante un bell’articolo, ringrazio tutta la redazione… volevo solo precisare che i km. di questa edizione sono stati di 170. Inoltre colgo l’occasione per invitare chi, anche solo per una volta ci ha pensato, a prendere una moto da enduro.. ci si diverte tantissimo e si sta sempre a contatto con la natura tra boschi fiumi ecc… veramente bellissimo… e poi c’è il “sadda”!!!! Un saluto