Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...
Salaiola

A Salaiola torna la tradizione: 150 anni fa la prima processione

18/09/16

EVENTO GRATUITO
: Salaiola Salaiola, GR, Italia - Inizio ore 17

Attenzione l'evento è già trascorso

SALAIOLA – Centocinquantadue anni fa, esattamente il 18 settembre 1864 (terza domenica del mese di settembre), venne celebrata la prima S. Messa nella nuova chiesa di Salaiola, solennemente benedetta e consacrata due giorni prima dal Sacerdote Anselmo Ciani di Monticello.

Nella frazione esisteva fin dalla metà del XVIII secolo una piccola chiesa, cosiddetta della Beata Vergine Maria, che intorno alla metà del secolo XIX presentava alcuni problemi a causa della stabilità delle fondazioni e che per tali ragioni fu sostituita da una nuova struttura.

La costruzione del nuovo edificio di culto fu particolarmente sostenuta se non addirittura voluta dal signor Cavaliere Francesco Petri e probabilmente anche dal Cav. Leopoldo Giovannini. Allo scopo, in data 3 marzo 1855 (con atto rogato dal dott. Giovanni del fu Cancelliere Giuseppe Visconti, Notaio Regio in Firenze, venne fondato il “Beneficio Ecclesiastico sotto il titolo dei Santi Francesco e Carlo”.

I lavori di costruzione iniziarono tra il 1855/56 e furono terminati nel 1863. La nuova chiesa, facente parte della curia di S. Clemente in Montelaterone, fu affidata al sacerdote Luigi Monfort, che risiedeva nel villaggio di Salaiola. In riferimento al Beneficio Ecclesiastico sopra citato essa fu intitolata ai santi Francesco e Carlo.

Gli abitanti della frazione rimasero però legati alla Beata Vergine Maria (alla quale era intitolata la chiesetta originaria) e dimenticarono ben presto i santi ai quali era dedicato il Beneficio Ecclesiastico, cosicché non festeggiarono mai le loro ricorrenze del 4 ottobre e 4 novembre, ma considerarono la data della celebrazione della prima messa nella nuova chiesa (terza domenica di settembre) come quella da dedicare ai festeggiamenti popolari in onore di Maria Santissima.

Tutti gli anni, per quasi un secolo (fino alla metà degli anni “60) nella terza domenica di settembre ebbero luogo i festeggiamenti popolari, caratterizzati dai classici riti religiosi e dai tradizionali giochi.

A distanza di 45 anni dall’ultima celebrazione il Villaggio di Salaiola ha riscoperto la tradizione secolare programmando per domenica 18 settembre, alle ore 17, una solenne processione in onore di Maria S.S. che, partendo dalla chiesa ed attraversando le vie del paese, giungerà al cimitero per onorare quei defunti che, sostenuti da quei genuini sentimenti di devozione che nutrirono in petto per la Santa Vergine, vollero pubblicamente testimoniarLe il loro affetto e ringraziarLa per aver acceso e consolidato nei loro cuori la fiamma della fede, dedicandoLe i consueti annuali festeggiamenti popolari, fin quando la modernità penetrò nel Villaggio scardinando le virtù e le tradizioni e producendo un vero e proprio mutamento antropologico.

I salaiolesi, figli e nipoti di quegli uomini di fede, ma anche coloro che hanno scelto il villaggio come loro dimora, non vogliono dimenticare e sono pronti a fare ogni sforzo possibile per edificare un futuro dotato di senso sulle fondamenta del passato; per onorare la memoria di chi ci ha regalato un perfetto modello di civitas e per ripristinare i suoi valori contro il crescente imbarbarimento dell’attuale società.

Pertanto a partire da quest’anno, si impegnano a ripristinare, nella terza domenica di settembre, i tradizionali festeggiamenti popolari in onore di Maria S.S.

Nella particolare occasione di domenica 18 settembre 2016, la Chiesa di Salaiola aderisce alla colletta nazionale in favore delle zone terremotate recentemente nel centro Italia, che si terrà in tutte le Chiese italiane proprio in quella data.

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!