Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

L’iniziativa di Massimo dal lettino dell’ospedale: «Con il mio libro si combatte il Coronavirus»

GROSSETO – Qualche giorno fa lasciava la terapia intensiva del Misericordia di Grosseto. Era stato ricoverato il 18 marzo scorso dopo che, risultato positivo al coronavirus, il suo quadro clinico aveva reso necessario il trasferimento nel reparto.

Per qualche giorno aveva tenuto il casco per favorire la respirazione e poi, piano piano, le sue condizioni erano migliorate fino a quando domenica scorsa, finalmente, poteva lasciare la terapia intensiva per essere trasferito in malattie infettive.

Stiamo parlando del professore ed avvocato in pensione Massimo Ciani, la cui storia veniva raccontata nei giorni scorsi dal nostro giornale.

Ed è dal reparto di malattie intensive che Massimo lancia la sua iniziativa di solidarietà. Ma andiamo per ordine.

Nel 2018 Massimo Ciani pubblicava, per Edizioni Heimat di Moroni Cesare, “La Grande Guerra. Sulle tracce di Amedeo”. Il libro, che ha conseguito la Menzione d’onore alla XXXVII Edizione del Premio Firenze con premiazione in Palazzo Vecchio Salone dei Cinquecento, era stato presentato lo scorso 31 gennaio nella sede di Banca Tema a Grosseto. Alla presentazione, con Massimo, l’amato nipote Gianluca Di Feo, vicedirettore del giornale La Repubblica.

“L’editore ha deciso di collegare la diffusione dell’opera ad una iniziativa di beneficenza di cui rendo partecipi tutti i miei cari amici – spiega Massimo sul suo profilo Facebook -. Per ogni copia venduta del libro, l’editore devolverà 5 euro ad iniziative sociali dirette a sostenere la lotta contro il coronavirus”.

Per chiunque fosse interessato, il libro è acquistabile alla tabaccheria di via Grieg 14, centro commerciale L’Alberino Grosseto.

Per chiarimenti sulle modalità di acquisto, potete telefonare allo 0564 453073 oppure al 347 648 1527.

“Il romanzo del fantaccino Amedeo descrive condizioni di sofferenza simili a quelle che sta attraversando adesso la nostra comunità – prosegue Massimo -. Concludo caldeggiando l’acquisto del libro e precisando che da tale operazione io non trarrò alcun utile economico.La lettura del libro invece potrà riempire spazi vuoti di questi drammatici momenti”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.