Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Balneari, Forza Italia: «Stagione alle porte, servono risposte»

GROSSETO – «La Regione Toscana come tutto il resto d’Italia sta vedendo giorno dopo giorno le pesanti conseguenze sull’economia locale a causa dell’emergenza Covid-19. Uno dei tanti settori danneggiati è quello del Turismo in tutte le sue sfaccettature, una su tutte quella dei Balneari e dei Pertinenziali». Così scrivono in una nota Elisabetta Ripani, Stefano Mugnai, Maurizio D’Ettore, Erica Mazzetti, deputati di Forza Italia.

«Nei giorni scorsi, il Coordinamento nazionale dei Balneari ha sollevato in modo chiaro il problema dichiarando: “L’epidemia ha colpito una categoria già agonizzante che non potrà arrivare né a settembre, né a quel tanto agognato e promesso rimedio normativo (sull’entità dei canoni ndr.), né alla prossima stagione estiva su cui confidava per ricavare quei modesti introiti necessari a mantenere in vita le proprie famiglie e, insieme, i posti di lavoro”. Situazione simile per i Balneari pertinenziali, che hanno sottolineato nelle scorse settimane come l’ “emergenza coronavirus rappresenta il definitivo colpo di grazia ai balneari pertinenziali italiani, già agonizzanti da anni a causa di un’irragionevole legge dello Stato (legge finanziaria 296/2006) che ha determinato un aumento esponenziale dei canoni annui tra il 500% e il 5000% per le sole pertinenze demaniali marittime e, cioè, per le concessioni aventi a oggetto beni in muratura realizzati sul demanio e incamerati dallo Stato”. Con questa ultima drammatica emergenza queste imprese locali non trovano una via d’uscita per restare in vita. Lo Stato deve intervenire per evitare il peggio».

«Come deputati toscani presenteremo subito un’Interrogazione urgente per discutere le proposte che vengono sollevate da tutte le categorie del settore in queste settimane di sofferenza economica da Covid-19. Pensiamo quindi di proporre immediatamente: un’indennità per i lavoratori stagionali e proroga del Naspi da aprile fino all’apertura delle aziende turistiche, presumibilmente fino al 30 giugno (almeno). In caso di non apertura, proroga Naspi fino ad aprile 2021. Inoltre proponiamo l’esonero dal pagamento dei canoni demaniali marittimi per gli anni 2020 e 2021 e la riduzione del 50% dell’IMU per immobili destinati ad attività produttive. E ancora, la sospensione di mutui e tributi, con la reintroduzione dei voucher per le prestazioni occasionali dei lavoratori, e la sospensione o rimodulazione per i prossimi 18 mesi dei pagamenti di contributi dei dipendenti, ed un credito d’imposta del 60% dell’ammontare del canone di locazione».

«Infine, a sostegno della promozione turistica, chiediamo che il Governo si impegni su scala nazionale per un’azione forte volta a tutelare e rilanciare l’immagine del turismo italiano. La stagione estiva è alle porte, servono risposte rapide e concrete per garantire la sopravvivenza di tantissime aziende locali».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.