Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tirrenica, gli ambientalisti: «Ora Governo, Regione ed Anas facciano presto ad aprire i cantieri»

GROSSETO – “Oggi siamo fortemente soddisfatti perché finalmente, dopo più di 30 anni di battaglie, rinvii e mancate decisioni, possiamo dire la parola fine alla telenovela riguardante l’autostrada della Maremma che non verrà realizzata a favore dell’adeguamento e della messa in sicurezza della strada statale Aurelia”. Lo scrivono, in una nota, le associazioni ambientaliste e comitati Fai, Italia Nostra, Legambiente, Wwf, Comitato per la bellezza, Terra di Maremma e Rete dei Comitati per la difesa del Territorio.

“Dopo tanto tempo perso inutilmente pur di tenere in piedi un’ipotesi autostradale devastante per il territorio della Maremma che non è mai stata sostenuta da piani economico-finanziari credibili, è stata scelta la soluzione più economica, meno impattante dal punto di vista ambientale e di più rapida realizzazione per completare il corridoio tirrenico e renderlo sicuro e moderno, come abbiamo sempre chiesto come associazioni e comitati ambientalisti – proseguono le associazioni -. I lavori per trasformare la variante Aurelia in una superstrada senza pedaggio potranno partire attraverso un emendamento al decreto Milleproroghe approvato ieri che consente al Ministero dei Trasporti di revocare la concessione a Sat”.

“Un tassello fondamentale e strategico che risponde con chiarezza alle nostre richieste e con cui provare a far davvero partire i cantieri, assegnando finalmente ad Anas i lavori per adeguare la variante Aurelia – vanno avanti -. Il provvedimento solleva infatti Sat dalla responsabilità dei lavori nei tratti non ancora completati che vengono invece affidati ad Anas, come avevamo più volte richiesto. Da oggi auspichiamo quindi che Anas prenda subito in carico tutto il tratto da San Pietro in Palazzi fino a Tarquinia”.

“A questo punto – concludono le associazioni -, occorre sbloccare definitivamente la realizzazione dell’opera con un percorso che coinvolga Governo, Regione Toscana e Anas per aprire al più presto i cantieri proprio a partire dai tratti più pericolosi e con un altissimo livello di incidentalità. Senza più l’alibi dell’intervento Sat, si potrà finalmente mettere in sicurezza il pericoloso tratto all’altezza di Capalbio ancora a due corsie e con incroci a raso di 12,5 km, iniziando i lavori sulla SS1 Aurelia proprio da qua”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.