Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Potere al popolo: «Presepe nelle scuole serve per distogliere l’attenzione dai reali problemi della città»

Più informazioni su

GROSSETO – «Pochi giorni fa il Sole 24 Ore ha pubblicato la sua classifica riguardante la qualità della vita nelle città italiane; rispetto a quella redatta lo scorso anno, Grosseto perde posizione arrivando 78esima» afferma Potere al popolo.

«Questo dato è la dimostrazione di come l’attuale giunta Vivarelli Colonna, autoproclamatasi nella campagna elettorale del 2016 come la Giunta che avrebbe “rimesso a posto conti e reso più vivibile la città” abbia in ultima analisi disatteso, nei fatti, i reali problemi dei grossetani, della città e delle sue campagne».

«Si è fatta promotrice, con il tacito assenso del PD, di misure restrittive in materia di pubblica “sicurezza” (si vedano a tal proposito il Regolamento urbano sulla sicurezza e lo sgombero dell’area di sosta di via Giordania, quest’ultimo portato avanti con modalità degne di un rifacimento in salsa maremmana di Apocalypse Now: le uniche cosa a mancare sono state la colonna sonora e il napalm) senza fare nulla per tentare di migliorare la qualità della vita dei grossetani» continua Potere al popolo.

«Parliamo soprattutto delle fasce più deboli: vessate da decine e decine di sfratti esecutivi in città; colpite da un caro vita in rapida crescita (trasporto urbano ed extraurbano e utenze idriche di Acquedotto del Fiora, per fare solo due esempi); costrette ad assistere a un riassetto idrogeologico che obbliga tutti a vivere in un perenne stato di emergenza, tanto in città quanto nella provincia».

«Il governo cittadino non ha opposto misure di riqualificazione del territorio, avallando retoricamente scelte poco felici come la cosiddetta “larderellizzazione” dell’Amiata ad opera di Enel Green Power. Le lottizzazioni e gli impianti necessari ai lavori stanno irreversibilmente compromettendo la qualità delle acque di falda, rendendo sempre più insalubre l’acqua che beviamo e usiamo per lavarci nel capoluogo, oltre a imprimere un esteso riassetto della morfologia idrogeologica della zona Amiatina e pedemontana, aumentando il rischio di smottamenti e frane».

«Appena ieri l’amministrazione è uscita con una mozione che obbliga scuole e uffici comunali ad allestire presepi che siano “ben visibili e di consone dimensioni”. Oltre a ritenere questo provvedimento oltraggioso e bigotto, riteniamo che sia stato studiato a tavolino per distogliere la narrazione mediatica dai reali problemi della città e darci l’immagine di un sindaco deciso, che sa di che cosa hanno bisogno i grossetani».

«Sicuramente non della sua retorica ipocritamente cattolica, ma di politiche serie in materia di diritti delle fasce più deboli, come per esempio una requisizione pubblica di sfitto ed inutilizzato e l’assegnazione di almeno 1000 alloggi popolari entro il prossimo anno, nonchè la creazione di spazi adibiti ad uso sociale, per poter dare spazio alle piccole organizzazioni, fatte di giovani e meno giovani, intenzionate a dare ossigeno alle attività culturali in fermento nella nostra provincia. La vera sicurezza è libertà e diritti per tutti!».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.