Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Festa della Misericordia: volontari e autorità insieme per celebrare la patrona suor Caterina Sordini

PORTO SANTO STEFANO – Ha celebrato la patrona, Beata Maria Maddalena dell’Incarnazione, al secolo suor Caterina Sordini, la Confraternita di Misericordia di Porto Santo Stefano con una bellissima festa che ha avuto come filo conduttore, quello di ringraziare i volontari e quanti, nei modi più disparati, aiutano l’associazione. Ed a sua volta, la Misericordia è stata omaggiata da tanti ospiti che venerdì scorso sono venuti anche da fuori per far sentire la loro vicinanza e gratitudine.

Alla messa, concelebrata nella chiesa patronale dal vescovo Giuseppe Roncari e dai sacerdoti don Sandro Lusini, don Gino Governi, don Antonio Metrano e don Antonio Scolesi, è intervenuto, quale ospite d’onore, Giuseppe Panzardi, direttore della Centrale operativa 118 Siena-Grosseto e tante autorità locali. Tra queste, il sindaco di Monte Argentario, il comandante della Polizia Municipale, il capobanda della Banda Comunale ‘Baffigi’, e gli assessori Settimo Zolesi e Gianluca Gozzo. E ancora la famiglia di Franco Noè Landini, il santostefanese che sta facendo apprezzare l’Argentario negli Stati Uniti e che ha donato un contributo alla Confraternita per l’acquisto della seggiolina motorizzata sali-scale e per altre attrezzature. Presenti inoltre, per il coordinamento delle Misericordie grossetane, la vicepresidente Grazia Raffi ed i confratelli Patrizia Gallorini e Roberto Fenili, oltre alle delegazioni delle Misericordie di Albinia, Roccastrada, Arcidosso e Buriano.

Moltissimi i volontari locali con le loro famiglie. Ed a proposito di gratitudine nei loro confronti, la Confraternita ha premiato con una medaglia quanti prestano servizio da dieci anni, ovvero: Luigi Olivari, Piero Picchianti, Giovani Brugi, Massimiliano Fois, Aleandro Vespasiani, Davide Corsini, Angelo Scuotto e Stefania De Pirro. Doppio l’impegno per Claudio Apicella, che ha raggiunto i 20 anni con la divisa giallo blu.

L’auspicio, adesso, è che questi ragazzi siano un esempio per i volontari che verranno, in primis quelli che si iscriveranno al corso in fase di allestimento.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.